Pivot Points

Conoscere i punti pivot

Visualizzazioni: vista 62
Momento della lettura: 7 verbale



La storia del Pivot Points L'indicatore iniziò nei primi anni '30 del ventesimo secolo quando un matematico e un famoso commerciante di quel tempo Henry Chase decisero di creare un indicatore destinato al mercato della sicurezza. Il sinonimo di pivot sarebbe un'inversione, quindi un punto pivot è un livello su cui si inverte il prezzo. Quindi, la base dell'indicatore Pivot Point è l'idea che il mercato tenga conto di tutto e si ripeta nel tempo. L'indicatore è stato creato in modo tale che i prezzi di apertura e chiusura possano servire come livelli di supporto e resistenza in futuro.

Pertanto, un trader che utilizza intervalli di tempo di grandi dimensioni disegna livelli e li utilizza nel trading, passando a intervalli di tempo più piccoli. Ad esempio, i livelli sono calcolati per i grafici D1 o precedenti, mentre le negoziazioni avvengono su intervalli di tempo M30 o inferiori. Vale la pena notare che i punti pivot non sono alcuni numeri o prezzi particolari sul grafico ma un intervallo in cui il prezzo appartiene durante un certo periodo di tempo. Sul grafico, i punti pivot sembrano linee orizzontali, la linea centrale è evidenziata, mentre quelle di supporto e resistenza sono punteggiate di default (il colore e lo stile delle linee possono essere personalizzati nelle impostazioni).

Pivot Points
Pivot Points
Pivot Points
Pivot Points

Di seguito, discuteremo l'uso pratico dei punti pivot.

Tipi di punti pivot

Dopo che Henry Chase sviluppò la formula per il calcolo dei punti pivot, alcuni trader e analisti la considerarono non del tutto corretta e svilupparono le proprie formule; è emerso il seguente elenco di tipi di punti pivot:

  • Tradizionale
  • Classico
  • Fibonacci
  • Woodie
  • Demark
  • Camarilla

Il principio di questi punti è abbastanza simile; tuttavia, esistono alcune differenze. Ad esempio, i punti pivot tradizionali e classici sono piuttosto simili, ma la loro differenza dal tipo Demark è significativa.

In questo articolo, non discuteremo di tutte le varianti del calcolo del punto pivot; invece, vedremo la formula tradizionale come l'ha progettata Henry Chase. Tenendo presente che il calcolo può essere eseguito per qualsiasi periodo di tempo, prenderemo D1. La riga principale viene calcolata come valore medio del prezzo di chiusura di candeliere, massimo e minimo.

Pivot (PP) = (Alto + Basso + Chiudi) / 3.

Dove:

  • alto è il massimo di ieri.
  • Basso è il minimo di ieri.
  • Chiudi è il prezzo di chiusura di ieri.

I calcoli per altri periodi rimangono gli stessi.

Calcolo dei punti pivot
Calcolo dei punti pivot

Quindi calcoliamo i livelli di supporto e resistenza S1 ed R1 e così via, basando i dati ricevuti.

Diamo un'occhiata alla formula:

S1 = (PP × 2) - Alto

Dove:

  • PP è un punto pivot.
  • alto è il prezzo massimo.

R1 = (PP × 2) - Basso

Dove:

  • PP è un punto pivot.
  • Basso è il prezzo minimo.
Punti di articolazione - Supporto e resistenza (S1 / R1)
Punti di articolazione - Supporto e resistenza (S1 / R1)

Prossimi livelli di supporto e resistenza S2 ed R2 sono calcolati come:

  • S2 = PP - Basso - Alto
  • R2 = PP + (Alto - Basso)

Dove:

  • Basso è il prezzo minimo.
  • alto è un prezzo massimo.
  • PP è un punto pivot.
Punti di articolazione - Supporto e resistenza (S2 / R2)
Punti di articolazione - Supporto e resistenza (S2 / R2)

S3, R3 la formula è la seguente:

  • S3 = Basso - 2 × (Alto - PP)
  • R3 = Alto + 2 × (PP - Basso)

Dove:

  • Basso è il prezzo minimo.
  • alto è un prezzo massimo.
  • PP è un punto pivot.
Punti di articolazione - Supporto e resistenza (S3 / R3)
Punti di articolazione - Supporto e resistenza (S3 / R3)

Nel metodo tradizionale del calcolo del punto pivot, vengono utilizzati tre livelli di supporto e resistenza. Attualmente, non vi sono molte ragioni nei calcoli manuali, tenendo conto del livello delle tecnologie informatiche; ci sono molti indicatori basati sui punti pivot che funzionano in modo indipendente secondo i requisiti del commerciante. Alcuni indicatori possono calcolare più livelli: S4, R4 e così via.

Applicazione dei punti pivot

Sul grafico, applichiamo un indicatore con i punti calcolati sulla base del precedente candeliere D1. Vengono visualizzati i livelli di supporto e resistenza. Quindi passiamo a un intervallo di tempo più piccolo, come M30. Su questo grafico, vedremo i livelli di resistenza e supporto, che il prezzo può consolidare, rimbalzare e sfondare durante l'attuale sessione di trading. È possibile utilizzare un grafico più grande, come un W1 settimanale o MN mensile. L'applicazione di varie impostazioni e tempi dipende dalle preferenze del professionista, dai suoi obiettivi e compiti.

Applicazione dei punti pivot
Applicazione dei punti pivot

Al momento, ci sono molte strategie di trading che utilizzano i punti pivot; sarebbe difficile discuterne tutte in un articolo, ecco perché daremo uno sguardo ad alcuni dei modi più popolari di fare trading con i punti pivot.

Per il trading, solitamente combiniamo diversi indicatori con i punti pivot. Tali indicatori potrebbero essere il Stochastic, l'inversione modelli di candele Perno, stella cadente, uomo impiccato, martello, martello rovesciato, pietra tombale Doji, libellula Doji.

Discutiamo la storia di una strategia di trading basata sui punti pivot e sui modelli di candelieri di inversione senza indicatori aggiuntivi; acquisto dal livello di supporto S1.

Su M30 la coppia ha formato un martello a livello di supporto S1. Alla chiusura del martello di inversione e all'apertura del candelabro successivo, il trader apre una posizione per l'acquisto (Buy); il trade dovrebbe essere chiuso sulla linea principale dei Punti Pivot chiamati Classic Pivot. Il Stop Loss in questa situazione deve essere posizionato al valore minimo del Martello (Basso). Quindi la posizione verrà chiusa al raggiungimento di uno degli ordini (Take Profit o Stop Loss).

Questa strategia è piuttosto facile da usare ma richiede una buona conoscenza della classica analisi del candeliere o delle strategie di trading Price Action o Pin Bar. Non c'è dubbio che ogni operatore formerà la propria opinione su questa strategia in quanto presenta sia vantaggi che svantaggi. Secondo l'autore di questa strategia, in caso di un approccio serio allo studio dell'analisi del candeliere, i punti pivot possono essere davvero utili quando si trovano punti di accesso a un trade senza filtri aggiuntivi. L'apertura delle posizioni dai livelli S2, S3 si basa sugli stessi principi, ma il punto di riferimento per Take Profit sarà il livello successivo. La vendita da R1, R2, R3 avviene allo stesso modo, solo in modo speculare.

Punti pivot: prendi profitto
Punti pivot: prendi profitto
Punti pivot: prendi profitto
Punti pivot: prendi profitto

Per coloro che preferiscono diversi indicatori su un grafico alla volta, esiste una strategia di trading interessante e piuttosto semplice basata sul principio precedente dei modelli di inversione, solo come filtro aggiuntivo, aggiungiamo lo Stocastico con le impostazioni di base. In questo caso, le aree di ipercomprato o ipervenduto sullo stocastico, formandosi vicino ai livelli di supporto o resistenza e disegnate dall'indicatore Punti pivot, serviranno come segnale aggiuntivo per aprire una posizione.

Continuiamo a discutere dell'entrata nel disegno precedente, solo con l'oscillatore stocastico aggiunto come filtro supplementare. Come possiamo vedere, lo stocastico non ha mostrato un'area di ipervenduto attorno alla formazione Hammer, il che significa che non abbiamo ricevuto una conferma di ingresso, quindi l'apertura di una posizione di acquisto non è consigliata. L'aggiunta di indicatori come filtri riduce il numero di operazioni ma non peggiora mai la qualità degli scambi.

Punti pivot + stocastico: guadagna
Punti pivot + stocastico: guadagna

Nella figura 11 possiamo vedere un segnale conforme ai criteri per l'apertura di un trade di acquisto. C'è un modello di martello di inversione formato vicino al livello di supporto S1, lo stocastico si trova nell'area di ipervenduto inferiore a 20; ci sono tutte le condizioni per l'apertura di un commercio d'acquisto. Il punto di riferimento per Take Profit è ancora la linea principale dell'indicatore Punti Pivot sulla carta Pivot classica; lo Stop Loss è posto sul valore minimo dell'Hammer.

Punti pivot + stocastico: guadagna

Come possiamo giudicare dagli esempi, le strategie di trading discusse sopra sono piuttosto semplici; tuttavia, hanno un piccolo inconveniente: i segnali di apertura non appaiono con la stessa frequenza che molti trader vorrebbero. D'altra parte, più i segnali sono rari, più sono considerati affidabili. Alcuni pensano che se il prezzo è al di sotto della linea principale dell'indicatore, la tendenza del mercato sta scendendo, mentre se è al di sopra della linea di controllo, la tendenza è in aumento.

Abbiamo discusso il principio, la formula e alcune opzioni di applicazione dell'indicatore Punti pivot. Come detto sopra, le strategie di trading che includono questo indicatore sono numerose e probabilmente ne appariranno di nuove indipendentemente dal fatto che l'indicatore abbia quasi cento anni. Ora non ci resta che discutere dei vantaggi e degli svantaggi dell'indicatore. Tra i suoi lati deboli, possiamo nominare diversi modi di calcolo, che possono sconcertare un trader, facendo loro dubitare dell'efficacia di ciascuno. Inoltre, se basiamo i calcoli su D1, i dati correnti potrebbero non essere validi per la sessione di trading successiva.

Vantaggi e svantaggi dei punti pivot

Gli svantaggi dei punti pivot includono diverse opzioni di calcolo, il che è fuorviante sulla domanda, che è migliore, utile e più accurata. Se si applica l'indicatore calcolato in base a D1, i dati correnti potrebbero non essere pertinenti alla successiva sessione di negoziazione.

I vantaggi sono:

  • semplicità,
  • calcoli matematici basati su prezzi particolari,
  • compatibilità con tempi diversi,
  • mostra il potenziale di prezzo,
  • possibilità di utilizzare ordini in sospeso.

L'indicatore Pivot Points è, senza dubbio, un mezzo piuttosto forte per l'analisi del mercato e può essere utile sia per i principianti che per i trader esperti.

Apri un conto di trading




Commenti

Articolo precedente

Parabolic Sar Indicator: Descrizione dell'uso

L'autore del Parabolic Sar è J. Welles Wilder. Lo ha usato per la prima volta nel 1976. Nel suo libro "Nuovi concetti nei sistemi tecnici di negoziazione" Wilder ha presentato diversi indicatori: Parabolic Sar, RSI, ADX.

Prossimo articolo

Una settimana sul mercato (26.08 - 30.08): stressato addio ad agosto

L'ultima settimana di agosto non sarà probabilmente sopraffatta da eventi significativi, ma il mercato azionario e quello borsa avranno abbastanza problemi a cui prestare attenzione. Il mondo è turbolento, contemplando nuove fasi della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, il che significa che non abbiamo tempo per annoiarci.