Gestione del denaro: che cos'è? Parte 1

The Art of Money Management Parte 1: storia, regole, consigli

Visualizzazioni: vista 45
Momento della lettura: 8 verbale



Se hai un sistema di gestione del denaro, sei destinato al successo

Dicendo mercato

Buona giornata, caro lettore del blog RoboForex! In questo post, ti suggeriamo di discutere uno degli aspetti pratici più importanti di negoziazione e investimenti - gestione del denaro. Inoltre, proverò a spiegarti qual è la capitale e come gestirla per raggiungere questo o quel risultato.

La definizione classica di la gestione del denaro è il processo di gestione del tuo denaro (il tuo capitale), che include l'utilizzo di strumenti e metodi per risparmiare e incrementare le tue risorse. Aggiungeremo anche che include un insieme di regole e tecniche allo stesso tempo volte a ridurre al minimo i rischi e massimizzare i profitti.

I trader principianti di solito considerano la gestione del denaro come un lavoro noioso; sorpassare e conquistare il mercato per un profitto a breve termine sembra molto più eccitante. Gli effetti a breve termine ti danno la sensazione di una vittoria ma sono davvero pochi. Un simile approccio tende a fallire perché, in sostanza, gioca con il mercato ma non con un approccio sistematico serio. E dopo che il trader si è reso conto che il trading richiede una strategia e un piano, iniziano a studiare alcuni modelli di gestione del denaro.

Gestione del denaro

Qual è la capitale

La capitale può essere descritta da diversi punti di vista e angolazioni. In generale, il capitale è il valore aggregato delle risorse e dello sforzo spesi. Inoltre, sotto il capitale, possiamo intendere qualsiasi attività di mercato accumulata separatamente dalle risorse normalmente utilizzate e portando profitto alla persona che la possiede. In altre parole, il tuo capitale è espresso nel valore materiale, finanziario o intellettuale che ti consente di svolgere la tua attività. La capitale è la principale fonte di fortuna del suo proprietario. Le dinamiche del capitale sono la principale misura e indicatore dell'efficacia di un'azienda nonché del suo prezzo di mercato.

La storia e la cronologia della gestione accademica del denaro

I principi fondamentali della gestione del denaro sono stati inizialmente inventati per i giochi.

Il momento in cui è apparsa l'idea della gestione del denaro è stata la pubblicazione dell'articolo di Daniel Bernoulli nel 1738 che spinse la teoria dell'utilità attesa. Nell'articolo, l'autore ha suggerito che la funzione logaritmica dell'utilità era caratteristica delle persone. Ha osservato che quando il profitto non viene ritirato ma reinvestito, per valutare la rischiosità dell'intero commercio, è necessario valutare separatamente il valore geometrico medio della probabilità di ogni possibile risultato del commercio (il livello di rischio di ciascun progetto).

Nel 1936, nel suo articolo "Speculation and Arbitrage", DJ Williams, descrivendo il commercio del cotone, ha dichiarato che lo speculatore dovrà scommettere sul prezzo rappresentativo in futuro. Dichiara che sono i profitti dei trader e perdite vengono reinvestiti sul mercato, tale prezzo viene calcolato come media geometrica di tutte le possibili valutazioni nelle condizioni attuali. Ad esempio, la distribuzione di probabilità di ciascun valore di prezzo in futuro potrebbe apparire come segue: 20% di possibilità che il prezzo sarà X, 30% - che sarà Y e 50% - che sarà Z dopo un certo periodo.

Nel 1944, un matematico John von Neumann e un economista Oscar Morgenstern pubblicato la loro "Teoria dei giochi e del comportamento economico" su cui si basa la moderna teoria dei giochi. In esso, è stata descritta la funzione di utilità che porta il loro nome, che è l'aspettativa matematica dell'utilità di un insieme di merci con una determinata allocazione di probabilità. Ciò significa che l'utilità è lineare secondo la distribuzione di probabilità.

Nel 1956, uno scienziato Bell Labs Larry John Kelly Jr. ha pubblicato il suo lavoro "A New Interpretation Of Information Rate". In questo lavoro, Kelly ha dimostrato che per raggiungere la massima crescita del reddito il giocatore dovrebbe massimizzare la dimensione prevista del logaritmo del proprio capitale, se parliamo di giochi d'azzardo. Si presume che il capitale sia diviso all'infinito e che il profitto venga reinvestito. Il sistema è complicato perché il suo corretto funzionamento richiede una valutazione delle probabilità del risultato. In altre parole, la formula di Kelly risponde alla domanda che è essenziale per qualsiasi operatore commerciale: come possiamo effettuare uno scambio con un'aspettativa di guadagno positiva?

f= B * pq / b

Dove:

  • b è la quota netta ricevuta sulla scommessa, cioè potresti vincere
  • p è la probabilità di vincere
  • q è la probabilità di perdere

In 1962, Edward O. Thorp, un professore americano di matematica, un autore e un giocatore di blackjack, scrisse un'opera chiamata "Beat the Dealer", che è diventata una sorta di classico, essendo il primo libro a dimostrare matematicamente che puoi vincere nel blackjack calcolando le carte.

In 1976, Harry Max Markowitz ha dichiarato che la formalizzazione della sequenza di una situazione di gioco e il criterio di massimizzazione del logaritmo atteso della redditività del portafoglio (adottato da Merton ed Samuelson (1974) e Goldman (1974)), definendo l'ottimalità asintotica della gestione, sono inaccettabili perché vanno contro l'idea che una forma standard di un gioco richiede un confronto di strategie.

Il criterio di Markowitz per la formazione del portafoglio è il rapporto redditività / rischio (l'efficacia della gestione del portafoglio); differisce dal criterio di Kelly che definisce il tasso di aumento di capitale con accantonamento per reinvestimento del reddito. A causa dell'effetto del reinvestimento, la gestione dei fondi da parte di Kelly può comportare gravi perdite in determinate condizioni.

In 1990, Ralph Vince ha scritto "Portfolio Management Formulas", diffondendo ed estendendo le formule di Kelly, che ha presentato come il metodo per definire la dimensione delle posizioni sotto il nome di "F ottimale".

Nel 1992, Vince pubblicò "The Mathematics of Money Management", in cui unì la sua F ottimale, occupandosi della dimensione della posizione, con la gestione ottimale del portafoglio.

Nel 1995, Vince scrisse il suo terzo libro sulla gestione del denaro, in cui elaborò la sua F ottimale e descrisse un nuovo modello di formazione di un portafoglio.

In 1996, Browne ed Whitt analizzato la teoria bayesiana del gioco d'azzardo e degli investimenti, in cui il processo casuale di base ha i valori di variabili casuali non osservabili; inoltre, hanno generalizzato il criterio di Kelly. Supponiamo che ci siano due motivi per bagnare l'erba: l'irrigatore è stato lanciato o ha piovuto. Supponiamo inoltre che la pioggia influenzi il funzionamento dell'irrigatore (non può essere lanciato se piove). Quindi, la situazione può essere modellata da una rete bayesiana illustrata. Tutte e tre le variabili possono essere T (true) o F (false).

Teoria bayesiana del gioco d'azzardo

In 2002, Evstigneev ed Schenk-Hoppe dimostrato che qualsiasi strategia di investimento che include il rifinanziamento di una parte costante del capitale fornisce una curva esponenziale strettamente positiva del tasso di crescita della fortuna dell'investitore sul mercato. Inoltre, i prezzi sono descritti come un processo casuale fisso e le relazioni sui prezzi sono non degenerate (a condizione che l'investitore negozia almeno due attività).

In 2004, Anderson ed faff ha provato a fare trading con regole semplici e disponibili per tutti su cinque mercati a termine e ha reinvestito il profitto con il metodo F ottimale, descritto da Vince. Hanno concluso che nel trading speculativo di futures, la redditività delle attività è più vitale per la gestione del denaro; hanno mostrato serie differenze nel successo dei trader in base alla loro aggressività.

Le regole della gestione del denaro

Finché il trader utilizza il proprio capitale (deposito) come strumento di lavoro, la gestione del denaro svolge un ruolo così importante nel trading. Una buona gestione del denaro è cruciale quanto l'uso adeguato dell'una o dell'altra strategia. Tutte le regole e i principi di gestione del denaro possono essere divisi in tre gruppi:

  • gestire il deposito
  • calcolo del volume degli scambi
  • regole di trading

Gestire il deposito

Le regole di gestione del deposito definiscono quale somma può essere prelevata dal conto e quale parte del profitto deve essere lasciata per le negoziazioni future. La gestione del tuo deposito ti consente di fissare obiettivi concreti. La dimensione del deposito funge da indicatore che aiuta il trader a capire quando applicare questi o quegli approcci; qui, il trader definisce determinati livelli di reddito che intendono utilizzare come punti chiave del loro sviluppo.

Ad esempio, il trader ha iniziato il proprio lavoro con un deposito di 1,000 USD. Secondo la loro strategia di gestione dei depositi, dopo aver raggiunto la dimensione del deposito di 2,000 USD, il trader ritira un quarto e lascia un altro quarto sul deposito per aprire un conto parallelo o negoziare in modo più aggressivo.

Calcolo del volume degli scambi

Questa parte della gestione del denaro è collegata a gestione del rischio. Il commerciante deve confrontare il lotto dimensione della dimensione del deposito per massimizzare il profitto ed evitare una perdita grave in caso di fallimento.

Una perdita o una crisi non è un processo casuale ma naturale. Anche quando il trader utilizza la propria strategia nel modo più efficace, alcuni trade potrebbero perdere. Affinché una serie di operazioni perdenti non consumi il tuo deposito, la dimensione di quest'ultima non dovrebbe essere sufficiente per 4-5 ma 20-30 operazioni. Quindi, la legge della probabilità giocherà dalla tua parte.

Il calcolo efficiente della dimensione delle negoziazioni ti consente di rimanere con un profitto anche se la metà delle negoziazioni si è rivelata in perdita. Questo è raggiunto da varie tecniche, come la riduzione del lotto nei periodi di rallentamento e l'aumento quando il commerciante si muove insieme al mercato. Pertanto, il profitto di un paio di operazioni per coprire le perdite di un'intera serie di operazioni.

Inoltre, l'entità della perdita dopo a Stop Loss dipende anche dalle dimensioni del lotto. Normalmente, l'entità della perdita è pari a un terzo del valore Take Profit, ma è soggetto a modifiche a seconda dello strumento, della volatilità e della strategia.

I calcoli possono essere effettuati in vari modi:

  • in base alla dimensione del capitale;
  • basato sulle regole della strategia scelta;
  • basato sulla potenziale perdita.

Ad esempio, il lotto può aumentare insieme al deposito, il che contribuirà ad aumentare il capitale in modo costante ma più veloce. Se il deposito del trader è di 1,000 USD e il lotto è pari all'1%, il guadagno è di 10 USD. Tuttavia, se il deposito ammonta a 20,000 USD, il lotto diventa 200 USD.

Regole commerciali di gestione del denaro

Sulla base della loro strategia e del loro stile di trading, il trader crea un insieme di regole che devono appianare l'effetto negativo degli svantaggi della strategia.

Esempi di tali regole potrebbero essere:

  1. Se si verificano 2-3 transazioni perdenti di fila, non più trading oggi
  2. se il deposito è diminuito di oltre il 20% questo mese, una pausa dovrebbe essere presa per 2-3 settimane
  3. se l'utile giornaliero ammonta al 2-5%, non più trading oggi
  4. se il trader ha infranto le regole di gestione del denaro più di 3 volte durante il giorno, il trading dovrebbe essere interrotto immediatamente e ripreso non prima di domani
  5. non più di 2 operazioni dovrebbero essere aperte contemporaneamente e non più di 5 operazioni dovrebbero essere aperte un giorno.

Tutte queste regole sono personalizzabili a seconda dell'esperienza del trader e delle circostanze di trading.

Aspetti psicologici della gestione del denaro

Seguire le regole della gestione del denaro aiuta l'operatore a sviluppare disciplina e sentirsi al sicuro. Prima di tutto, il commerciante dovrebbe definire la dimensione del lotto che sarà comodo per lavorare in modo che un crollo temporaneo non li faccia perdere il morale.

La rigorosa gestione del denaro protegge il trader dalle conseguenze dell'avidità poiché il trader evita la tentazione di aprire un grande trade, sperando nella loro fortuna.

Inoltre, la gestione del denaro aiuta a far fronte alla paura nei momenti in cui il trader inizia a cambiare la propria strategia (per noia o per altri motivi), aprendo gli scambi in modo caotico. La gestione del denaro impedisce al professionista di perdere il proprio deposito.

Il commerciante deve rendersi conto che i crolli non possono essere evitati ma possono essere ottimizzati. Questa realizzazione aumenterà la loro fiducia e aiuterà a evitare azioni affrettate, tenendo le loro emozioni sotto controllo.

Consigli pratici sulla gestione del denaro

Il compito principale del trader è quello di salvare e quindi - aumentare il loro capitale. Quindi, la pratica della gestione del denaro inizia con la creazione di una strategia generale di gestione dei propri beni.

Per ogni operazione, il trader dovrebbe valutare prima il rischio e solo successivamente - il potenziale profitto. Se il trader ha esito positivo, la dimensione del lotto può essere aumentata bu 1-2%, ma se segue una serie di crisi, dovrebbe essere ridotta. Si raccomanda inoltre di avere un conto parallelo e di non scambiare tutto il capitale.

Non dovrebbero esserci troppi scambi, a meno che la strategia non suggerisca il contrario, come nel caso dello scalping. Se gli scambi sono troppo abbondanti, aumenteranno anche i rischi, nonché il carico psicologico sul trader e la probabilità di commettere errori.

Puoi leggere la seconda parte di questo post qui!

Apri un conto di trading




Commenti

Articolo precedente

Situazionale vs. Trading sistematico: quale è più efficiente?

In questo articolo, esamineremo i pro ei contro del trading sistematico e situazionale, discuteremo delle loro differenze e parleremo della fattibilità di ciascuno di essi.

Prossimo articolo

Una settimana sul mercato (10/21 - 10/27): Brexit Waltz

Questa settimana promette di essere piuttosto attiva per i mercati dei capitali. Stiamo aspettando le statistiche, le sessioni delle banche centrali e guardando la telenovela Brexit.