Saudi Aramco sta preparando l'IPO

Saudi Aramco sta preparando l'IPO

Visualizzazioni: vista 7
Momento della lettura: 5 verbale



Siamo stati a lungo abituati alle società statunitensi che occupano il massimo in termini di capitalizzazione di mercato. Di recente, la lotta è andata in mezzo Apple Inc. (NASDAQ: AAPL) e Microsoft Corp. (NASDAQ: MSFT). Nel febbraio 2016, anche Alphabet Inc. è riuscito a diventare la più grande azienda al mondo; tuttavia, ha mantenuto il posto solo per due giorni, passando poi ad Apple.

L'unica società non americana che potrebbe competere con i leader è la cinese Alibaba (NYSE: BABA) ma la sua attuale capitalizzazione è di 486 miliardi di dollari, ovvero 679 miliardi di dollari in meno rispetto alla capitalizzazione di Apple.

Capitalizzazione delle più grandi aziende del mondo

Pertanto, Alibaba deve crescere almeno due volte vicino al leader. Tuttavia, la situazione potrebbe cambiare radicalmente in un paio di mesi e Apple potrebbe passare alla seconda riga della valutazione. Un gigante petrolifero Saudi Aramco dall'Arabia Saudita potrebbe diventare la più grande azienda del mondo.

Saudi Aramco

La compagnia fu fondata nel 1933 dal governo saudita e da una compagnia petrolifera statunitense Standard Oil of California. Entro il 1980, il governo saudita aveva acquisito il pieno controllo della società mediante l'acquisto di azioni, e ora l'Arabia Saudita è la più grande compagnia petrolifera nazionale.

Caratteristiche saudite di Aramco

Saudi Aramco sta preparando l'IPO

Attualmente, la società è considerata la più grande impresa petrolifera del mondo in termini di estrazione di petrolio e riserva di petrolio. L'utile dell'Arabia Saudita lo scorso anno è stato di oltre 111 miliardi di dollari. Per fare un confronto, l'utile netto di Apple nel 2018 è stato di 59 miliardi di dollari, mentre quello di Microsoft è stato di 33 miliardi di dollari. Pertanto, l'Arabia Saudita è anche la compagnia più redditizia al mondo. Tuttavia, un tale livello di redditività è stato raggiunto grazie a una riduzione del carico fiscale sulla società dall'85% al ​​50%, nonché al più basso costo principale del petrolio sulla Terra.

Oltre all'alto profitto, il management dell'azienda sta pianificando di destinare 75 miliardi di dollari ai pagamenti di dividendi l'anno successivo, che equivale a dividendi 5 volte superiori rispetto a quelli pagati da Apple. E infine, la prevista capitalizzazione di Saudi Aramco durante l'IPO potrebbe raggiungere i 2 trilioni di dollari, il che la renderà la più grande azienda mondiale in termini di capitalizzazione di mercato.

L'obiettivo dell'IPO

La domanda è: perché un'azienda del genere avrebbe bisogno di una IPO? Quest'anno abbiamo visto il IPO di Uber, in cui gli azionisti miravano a realizzare il maggior profitto possibile. Abbiamo assistito alla preparazione del IPO di WeWork ciò non è mai accaduto, in cui la società è stata giudicata irragionevolmente alta. Nel 2019, la maggior parte degli emittenti di IPO stava perdendo. Alla fine, abbiamo avuto l'impressione che il management degli emittenti volesse guadagnare una fortuna mentre il mercato è rimasto ottimista.

A differenza di tutti loro, l'Arabia Saudita guadagna abbastanza denaro per realizzare qualsiasi ammodernamento dell'azienda. Il recente atto terroristico che ha ridotto la produzione di petrolio due volte ha danneggiato gravemente l'attività dell'azienda. Tuttavia, due settimane dopo, l'Arabia Saudita è riuscita a recuperare e dimostrare gli stessi risultati di prima. Ciò dimostra che l'azienda ha denaro e il suo management conosce il business.

Pertanto, l'obiettivo dell'IPO non è né attrarre denaro verso l'azienda né i portafogli degli azionisti. L'obiettivo è guidare gli investimenti in Arabia Saudita. Fintanto che la società è nazionale, tutto il denaro fatto durante l'IPO andrà al fondo di previdenza nazionale. Si prevede di essere utilizzato nel programma nazionale Vision 2030 volto a ridurre al minimo la dipendenza del paese dalle esportazioni di petrolio.

Il prezzo delle azioni non è stato ancora definito, il Road Show dovrebbe iniziare il 17 novembre e il prezzo sarà dichiarato entro il 5 dicembre.

Durante l'IPO, si prevede di vendere dal 2% al 5% delle azioni e attirare circa 100 miliardi di dollari. Per fare un confronto, Alibaba cinese durante la sua IPO è riuscita ad attirare 25 miliardi di dollari, che è considerato il miglior risultato della storia. L'Arabia Saudita potrebbe battere questo record. Il prezzo dell'azienda è stimato a circa 2 trilioni di dollari. L'IPO sarà effettuata presso la borsa saudita Tadawul.

La piattaforma per l'IPO

Saudi Aramco sta preparando l'IPO

Le più grandi borse stavano combattendo per il diritto di ospitare l'IPO dell'Arabia Saudita. Donald Trump ha raccomandato lo scambio del NYSE e il governo britannico ha persino fornito una linea di credito di 2 miliardi di dollari. Tale interesse degli scambi è stato spiegato dal desiderio di molti investitori di acquistare le azioni dell'emittente.

Tuttavia, il diritto di realizzare l'IPO è stato conferito allo scambio locale Tadawul, che è ancora un'altra parte del piano di diversificazione economica. Pertanto, il governo ha in programma di attirare capitali e aumentare il livello del suo mercato azionario. Complessivamente, l'IPO è progettata per essere eseguita in due fasi e, poiché viene presa in considerazione la seconda borsa per il collocamento di titoli sauditi Aramco, la borsa di Tokyo. Ad ogni modo, questa fase è prevista per il 2020-2021.

Perché è stata scelta la regione asiatica?

Il fatto che il governo scelga Tokyo indica il suo desiderio di rafforzare la cooperazione con gli investitori nella regione. Ad esempio, è noto che la Saudi Aramco ha invitato una società nazionale malese Petronas a prendere parte all'IPO. Le imprese nazionali cinesi hanno inoltre espresso la volontà di acquistare le azioni dell'emittente per 5-10 miliardi di dollari. La Cina, a sua volta, è il maggiore importatore di petrolio saudita.

Capitalizzazione saudita di Aramco

2 trilioni di dollari sono un obiettivo piuttosto audace da raggiungere, quindi il management dell'azienda deve funzionare bene. Alla fine, i media hanno scoperto che il governo saudita sta spingendo le famiglie più accessibili del paese a prendere parte all'IPO. Si dice che la questione sia stata discussa con alcune dozzine di famiglie delle "50 famiglie più accessibili dell'Arabia Saudita".

In relazione a ciò, la società potrebbe non riuscire a realizzare i 2 trilioni di dollari previsti. La Bank of America, ad esempio, suppone che nel peggiore dei casi la capitalizzazione di Aramco saudita possa raggiungere 1.22 trilioni di dollari. Goldman Sachs suggerisce 1.66 trilioni di dollari.

Riflessioni conclusive

L'Arabia Saudita fornisce circa il 15% delle esportazioni mondiali di petrolio; la sua IPO può influenzare il mercato mondiale del petrolio e il prezzo delle società energetiche nazionali di altri paesi. I risultati di Saudi Aramco IPO saranno confrontati con quelli di altre società quotate in borsa; in questo modo gli analisti cercheranno di trovare un prezzo delle azioni equo, che potrebbe portare alla crescita delle quotazioni, per esempio, di Exxon Mobil. Questo è il motivo per cui l'IPO dell'Arabia Saudita è in qualche modo importante per le borse mondiali e i suoi risultati saranno seguiti da vicino da tutto il mondo finanziario.

Apri un conto di trading




Commenti

Articolo precedente

Momentum: efficiente oscillatore o indicatore di tendenza?

Il momento è uno degli indicatori più semplici e popolari tra i trader. Come suo creatore, alcune fonti nominano un matematico francese Paul Émile Appell. Questo indicatore aiuta a definire la direzione del trend e la velocità della variazione di prezzo.

Prossimo articolo

Drawdown: cos'è e come sfuggirlo?

Un drawdown è una diminuzione del saldo e del patrimonio netto sul conto di trading; per dirla più semplice, un drawdown è una perdita. I drawdown possono essere di due tipi: mobile e fisso.