Cosa succede ai titoli Boeing? Azioni statunitensi: analisi e previsioni

Cosa succede ai titoli Boeing? Analisi e previsioni

Visualizzazioni: vista 76
Momento della lettura: 6 verbale



Nel mese di gennaio 2020, Boeing (NYSE: BA) progettò di portare in alto il velivolo 737 MAX 8 che era rimasto a terra dopo l'incidente. La società fallì e ora l'idea è diventata inutile.

Il coronavirus ha fatto atterrare tutti gli aerei passeggeri, quindi le compagnie stanno pensando non all'acquisizione di nuovi jet, ma ai modi per sopravvivere fino alla fine della crisi ed evitare il fallimento.

Situazione boing e notizie

Aereo Boeing

Ci sono meno ordini di nuovi velivoli Boeing

A causa della crisi provocata da COVID-19, a gennaio, per la prima volta negli ultimi 58 anni, Boeing non ha ricevuto alcun ordine. Inoltre, le aziende hanno iniziato a richiamare gli ordini che avevano già fatto.

Ad esempio, il più grande velivolo minore del mondo, Avalon, ha annullato 75 ordini di Boeing 737 MAX che sono costati 8 miliardi di dollari. Il brasiliano GOL Linhas Aereas Inteligentes Sa ha annullato 39 ordini dello stesso aereo; altri clienti sconosciuti ne hanno cancellati altri 35.

Di conseguenza, gli ordini netti nel primo trimestre 2020 sono ammontati a -307 aerei, vale a dire che vi sono stati più ordini annullati che effettuati.

In che modo la quarantena influenza Boeing

La crisi ha colpito non solo gli ordini, ma anche l'offerta di aeroplani che è diminuita 3 volte. Nel primo trimestre del 2020, c'erano 50 velivoli consegnati ai clienti, mentre nello stesso trimestre dell'anno precedente i clienti ricevevano 149 velivoli.

Boeing firma i contratti in modo tale che se il cliente richiama l'ordine, deve rimborsare le perdite della società; tuttavia, le pandemie fanno entrare in vigore il paragrafo sugli eventi di forza maggiore, che è ampiamente utilizzato dai clienti Boeing che annullano gli ordini senza conseguenze.

Tuttavia, c'è qualcosa di positivo per Boeing nella situazione. La compagnia ora potrebbe cambiare la data di fornitura di nuovi aerei. La quarantena ha rallentato la produzione. Dall'inizio dell'anno, sono stati licenziati 2800 dipendenti e il principale impianto di produzione Puget Sound ha chiuso per la quarantena, quindi la società è attualmente in difficoltà a soddisfare la domanda esistente in quanto funziona non solo nel segmento passeggeri.

Inoltre, i fastidiosi aerei 737 MAX 8 rimangono inattivi per 6 mesi e Boeing ha dovuto rimborsare il mancato profitto alle compagnie che utilizzavano l'aereo. Ora, anche questo impegno è stato annullato.

Naturalmente, quando il numero di ordini diminuisce, la società può riempire i suoi magazzini e quindi vendere aerei pronti quando la domanda viene ripristinata. Tuttavia, è del tutto possibile che nei prossimi anni il volume del trasporto passeggeri non raggiungerà il livello pre-crisi. Quindi, le compagnie aeree hanno abbastanza aerei per soddisfare la domanda futura di trasporto aereo. Pertanto, la riduzione degli ordini nel segmento passeggeri potrebbe continuare, il che comporterà perdite per Boeing.

Ordini dal Ministero della difesa

Boeing produce aeroplani non solo per l'aviazione civile ma anche per il Ministero della difesa; inoltre, produce satelliti commerciali e civili e potrebbe sembrare che questi segmenti salveranno l'azienda. Tuttavia, le cose non sono così semplici.

In primo luogo, qui, anche il numero di ordini sta diminuendo. In secondo luogo, dall'inizio del 2020, Boeing ha fornito per le 39 navi militari e nessun satellite. In altre parole, quei 50 rifornimenti civili sono più di quanto ordinato dal Ministero della Difesa. Pertanto, l'aviazione civile svolge la parte principale delle entrate dell'azienda.

Da questo punto di vista, le cose vanno davvero male per l'azienda, quindi le sue scorte devono essere vendute solo. Tuttavia, la medaglia ha anche l'altro lato.

È tutto così male per l'azienda?

Prima di tutto, diamo un'occhiata agli ordini nel complesso, non per un certo periodo. All'inizio del 2020, aveva 5,428 ordini; nel primo trimestre, questo numero è sceso a 5,049, ovvero la riduzione è stata del 7%, che non è un numero disastroso.

Successivamente, a causa della crisi, le autorità statunitensi hanno sviluppato diverse misure di supporto per le aziende che sono vitali per la sicurezza del Paese. Boeing è tra queste aziende. Il valore complessivo del supporto ammonta a 17 miliardi di dollari. Tuttavia, ci sono condizioni da soddisfare per ricevere questo supporto. In particolare, una condizione è consegnare una parte dell'azienda sotto forma di scorte al governo federale degli Stati Uniti.

Alla fine, la direzione del Boeing ha rifiutato tale aiuto: insiste per ricevere aiuto senza soddisfare tali condizioni o semplicemente per essere accreditato sotto le garanzie del governo. Altrimenti, troveranno in modo indipendente un modo per sopravvivere alla situazione attuale.

È tutto così male per Boeing, se possono permettersi di fare tali dichiarazioni?

Naturalmente, il Congresso è stato esasperato da tale comportamento, ma Boeing ha una forte lobby nel Congresso, quindi è molto probabile che riceveranno l'aiuto sulle loro condizioni.

Pertanto, possiamo concludere che Boeing non è sull'orlo della bancarotta e che i suoi problemi finanziari sono esagerati, quindi la probabilità di un ulteriore calo delle sue scorte non è così elevata.

Analisi del grafico delle azioni Boeing

Ora, analizziamo il grafico delle azioni Boeing. A febbraio 2019, le azioni hanno raggiunto il massimo storico di 435 USD per azione. Allo stesso tempo, la società ha registrato ricavi record, pari a 28.34 miliardi di dollari. Il mese successivo, si verificò un incidente con Boeing 737 MAX 8, uccidendo 157 persone.

Questo è stato un punto di svolta per l'azienda. Il prezzo delle azioni ha iniziato a scendere, con il reddito dell'azienda al seguito. I voli del Boeing 737 MAX 8 furono sospesi fino a quando non furono scoperti i motivi dell'incidente (attualmente sono vietati i voli di questo aereo). A luglio 2019, il reddito della società era diminuito del 45%, raggiungendo 15.75 miliardi di dollari, mentre il prezzo delle azioni era diminuito del 28%, raggiungendo 315 dollari.

Quindi la caduta si è fermata, vale a dire che gli investitori hanno incluso nel prezzo i rischi futuri dell'aereo problematico e per circa 8 mesi, le azioni sono state scambiate tra 315 e 385 USD, in attesa che Boeing 737 MAX 8 riprendesse il volo.

Tuttavia, ciò non è mai accaduto - invece, è arrivato il coronavirus, che ha fermato l'aviazione civile, che ha influenzato significativamente le compagnie aeree e, a loro volta, hanno iniziato a annullare i loro ordini già fatti. Pertanto, gli investitori hanno dovuto nuovamente includere nel prezzo i rischi, questa volta legati alla diminuzione del numero di ordini, del reddito e dell'utile netto.

Alla fine, la seconda ondata di problemi dell'azienda ha fatto scendere il prezzo delle azioni del 72% e il prezzo delle azioni è sceso a 100 USD.

Analisi tecnica delle scorte di Boeing (NYSE: BA)
Analisi tecnica delle scorte di Boeing (NYSE: BA)

Ora, possiamo dire che tutti i problemi che conosciamo sono inclusi nel prezzo. Può andare più in profondità solo se emergono informazioni più negative. Tali informazioni potrebbero essere la relazione trimestrale che la società presenterà il 29 aprile.

Il reddito della Boeing nel primo trimestre 2020 è stimato a 17.8 miliardi di dollari e, sfortunatamente, per il secondo trimestre consecutivo, la società potrebbe perdere.

Esistono due modi in cui la situazione può svilupparsi:

  1. Le entrate previste sono ben note e incluse nel prezzo. Se risultano migliori del previsto, potremmo assistere a una rapida crescita del prezzo delle azioni.
  2. Il reddito inferiore alle previsioni comporterà naturalmente un ulteriore calo del prezzo delle azioni.

Tuttavia, tutte queste fluttuazioni saranno a breve termine. Aumenteranno solo la volatilità delle azioni, quindi la rapida crescita potrebbe cambiare per un forte calo il giorno successivo.

A lungo termine, i prezzi possono cambiare drasticamente quando la compagnia riceve nuovi ordini o Boeing 737 MAX 8 riceverà l'autorizzazione per i voli. Per ora, possiamo solo specificare i frame in cui le azioni verranno negoziate nel prossimo futuro.

Il prezzo più basso delle azioni quest'anno è stato di 89 USD, dopo di che le quotazioni sono cresciute rapidamente a 186 USD, molto probabilmente, perché i venditori hanno chiuso posizioni corte. Pertanto, 186 USD sono la resistenza per le azioni Boeing, mentre 89 USD è il loro supporto. In altre parole, questi sono i frame per le future fluttuazioni dei prezzi delle azioni.

Analisi tecnica delle scorte di Boeing (NYSE: BA)
Analisi tecnica delle scorte di Boeing (NYSE: BA)

Molto probabilmente, in attesa del rapporto, le scorte raggiungeranno 186 USD. Quindi, tutto dipenderà dai risultati trimestrali.

Se per qualche miracolo, le entrate risultassero migliori delle previsioni, potremmo vedere una rottura di questa resistenza e un'ulteriore crescita, forse a 275 USD. Successivamente, potremmo aspettarci un ritorno a 186 USD in quanto la pubblicazione del rapporto non risolve nessuno dei problemi dell'azienda.

Una cattiva relazione trimestrale comporterà un rimbalzo di 186 USD e un forte calo a 90-100 USD per azione.

sommario

Nessuno sa come si svilupperà la situazione del mercato azionario, possiamo solo fare ipotesi e il tempo mostrerà chi aveva ragione. Con tutti i problemi, il numero di ordini in Boeing diminuirà, riducendo il suo reddito.

Tuttavia, per ora, questo numero è diminuito solo del 7% e il reddito potrebbe diminuire del 23%, rispetto al primo trimestre del 2019. Nel frattempo, le azioni sono scambiate del 65% in meno del loro massimo storico, il che significa lo stato di ipervenduto delle scorte. Pertanto, molto probabilmente, il prezzo inizierà a ripristinare.

La riluttanza della direzione della Boeing a fare concessioni al governo degli Stati Uniti in cambio di un aiuto finanziario è una prova indiretta del fatto che le cose non vanno male in azienda come sembra. Il problema principale per Boeing è di portare nuovamente Boeing 737 MAX 8 in alto. Non appena risolveranno il problema, le scorte raggiungeranno rapidamente i 300 USD.

Investire in azioni americane con RoboForex a condizioni vantaggiose! Le azioni reali possono essere negoziate sulla piattaforma R Trader da $ 0.0045 per azione, con una commissione di negoziazione minima di $ 0.25. Puoi anche provare le tue abilità di trading nel Piattaforma R Trader su un account demo, registrati su RoboForex.com e aprire un conto di trading.




Commenti

Articolo precedente

Negoziare con la strategia della Croce d'oro

In questa recensione, discuteremo di una nota strategia di trading chiamata Golden Cross. Questa strategia semplice ed efficiente utilizza due medie mobili con periodi diversi.

Prossimo articolo

Come usare il fantastico oscillatore nel trading. Segnali principali

In questo articolo, discuteremo un indicatore interessante chiamato Oscillatore impressionante. È stato creato e inizialmente aggiunto alla sua strategia di trading da un famoso esperto di trading Bill Williams.