Impostazione degli obiettivi nel trading: come impostare gli obiettivi di processo?

Impostazione degli obiettivi nel trading: come impostare gli obiettivi di processo?

Visualizzazioni: vista 65
Momento della lettura: 5 verbale



Parliamo di una cosa come la definizione degli obiettivi negoziazione. In precedenza, il mio collega ha già toccato questo argomento nel suo post👇, che è una guida pratica per fissare obiettivi nel trading. In questo post ho deciso di tornare su questo argomento e cercherò di approfondire questo problema dal lato psicologico.

Oggi tutti ti consigliano di porre obiettivi e persino di visualizzarli per far uscire i poteri del tuo subconscio. Bene, il tuo subconscio è un meccanismo molto più complicato di quanto descritto nei libri di psicologia popolari, quindi tralasciamo queste raccomandazioni e passeremo all'esperienza pratica.

Ci sono due tipi di obiettivi nel trading: finanziario e di processo. Un obiettivo finanziario motiva un trader da un potenziale profitto, mentre un obiettivo di processo - completando scrupolosamente il piano di trading.

La vita mostra che c'è solo un gruppo di trader che può permettersi di porre obiettivi finanziari: sono esperti. Per tutti gli altri trader, gli obiettivi del processo saranno molto più efficienti. In effetti, per gli esperti, seguire il piano finanziario è anche l'obiettivo numero uno, ma motivazioni finanziarie possono spingerli ulteriormente in avanti e aumentare l'efficienza lavorativa.

La parte complicata del trading è che il denaro è sia la misura del risultato che una ricompensa per esso. Questo è diverso, ad esempio, dagli sport in cui uno sportivo guadagna punti ma ottiene anche una ricompensa che dipende dal punto in modo abbastanza indiretto.

Tutto sommato, finché nel trading il processo e il risultato sono intrecciati, il trader deve separare il processo da qualsiasi altra cosa e concentrarsi su di esso. Questo non è così semplice, ovviamente, perché il completamento del piano dipende dalla capacità di eseguire azioni ripetute con calma, anche se portano a una serie di operazioni in perdita.

Approccio per processi alla definizione degli obiettivi nel trading

In una conferenza, Alexander Elder ha parlato del suo amico che era stato un trader perdente, ma qualche tempo dopo è diventato uno dei manager di maggior successo. Quando gli è stato chiesto del suo segreto, l'uomo ha spiegato che ci è riuscito dopo aver immaginato di avere un capo che vive alle Bahamas che lo ha pagato per completare gli scambi con un certo piano, non per le somme guadagnate. Immaginava che anche se avesse fatto soldi a scapito di violare il piano, il suo capo non lo avrebbe pagato; al contrario, se avesse perso soldi seguendo il piano, il capo avrebbe pagato.

Questa logica è una perfetta rappresentazione dell'approccio per processi al trading. Quando mi viene chiesto: "Quale profitto caratterizza un esperto di trading?”, Rispondo che i profitti non caratterizzano affatto un trader. A breve termine, un profitto può dimostrare una coincidenza casuale tra l'azione del trader e lo stato del mercato; Inoltre, tieni presente che il compito del trader non è fare soldi nel breve termine ma sopravvivere nel mercato e continuare a guadagnare nel medio / lungo termine. Questo è un segno di un metodo / sistema di successo e di conformità con esso; questo dovrebbe essere chiamato trading professionale.

Come impostare gli obiettivi di processo nel trading?

Come impostare gli obiettivi di processo nel trading?

Un obiettivo "fare il meglio possibile" non è affatto un obiettivo, è formulato in modo non specifico e sappiamo che obiettivi non specifici sono molto difficili da raggiungere. Un obiettivo del processo deve affrontare competenze specifiche che vorresti sviluppare e abitudini specifiche che vorresti cambiare.

Per scoprire cosa ti manca esattamente o cosa ostacola il tuo lavoro, prova a registrare il tuo trading, annotare i risultati e commentare le tue decisioni. Un po 'più tardi vedrai cosa è necessario correggere.

Un obiettivo di trading "corretto" deve soddisfare le seguenti aspettative:

  • Deve essere limitato nel tempo.
  • Deve essere realistico.
  • Deve essere focalizzato.

Discutiamo ogni punto separatamente.

Limiti di tempo

In "definizione di obiettivi a tempo determinato" si intende che l'obiettivo deve avere limiti di tempo entro la fine dei quali vengono valutati i risultati. Diciamo, gli obiettivi settimanali sono efficienti. Naturalmente, il tempo dipende dal tuo ritmo di trading: un day trader efficiente può facilmente fissare obiettivi giornalieri.

Realismo

Rendere realistici i tuoi obiettivi significa che ti rendi conto: è improbabile che i tuoi problemi e modelli comportamentali che hanno richiesto tempo per formarsi cambino dall'oggi al domani. In questo caso, il ridimensionamento soggettivo potrebbe essere utile: "La prossima settimana, aumenterò la mia pazienza quando cerco una buona configurazione del 30%".

Cerca di non mirare a cambiare tutto in una volta: le abitudini hanno bisogno di tempo per attecchire.

Messa a fuoco

Stabilire obiettivi mirati nel trading significa che lavori su un obiettivo alla volta. Questo ti aiuta a concentrare la quantità di attenzione richiesta e aumenta la probabilità di cambiamento.

Naturalmente, dopo la scadenza del periodo prescelto (ad esempio, dopo una settimana di lavoro), "scala" i tuoi progressi: quanti punti hai guadagnato per raggiungere il tuo obiettivo. Devi essere onesto, tuttavia, evitare l'auto-castigazione. Come ho scritto in un articolo precedente, segnate ciò che avete fatto bene ogni giorno.

Modelli comportamentali e come modificarli

Modelli comportamentali e come modificarli

Durante l'apprendimento, ogni trader elabora determinati modelli comportamentali che possono essere efficienti (utili) o portare ad azioni distruttive impulsive, come "inseguimento del prezzo", spostare lo Stop Loss, riaprire la posizione (vendicarsi sul mercato).

Il processo di modifica di tali modelli in una certa misura assomiglia all'eliminazione di cattive abitudini, come il fumo o l'eccesso di cibo. Una persona compie un'azione distruttiva sapendo che danneggerà la sua vita (salute, finanza, ecc.) Ma non può farne a meno. Una semplice raccomandazione in tali situazioni sarebbe "rimanere disciplinato" ma nessuno suggerisce alcuna soluzione per elaborare la disciplina.

Cosa suggerisce la scienza del cambiamento, o coaching?

Le fasi principali del cambiamento

Le fasi principali del cambiamento

Prima di tutto, analizza il processo di modifica di qualsiasi cosa nei seguenti passaggi:

  1. Preparazione (raccolta di informazioni)
  2. Motivazione
  3. Azione
  4. Timbrando il risultato

Per ora tralasciamo le questioni di motivazione; siamo interessati al processo di preparazione per un cambiamento dei modelli comportamentali. Innanzitutto, individua uno schema: in altre parole, decidi quale comportamento desideri correggere. Per questo, analizza il tuo registro di lavoro e individua gli schemi ripetuti, quindi posiziona un obiettivo specifico formulato positivamente. Ad esempio, un tale obiettivo può essere: trattenersi dal rientrare nella posizione dopo che è stato attivato lo Stop Loss (a condizione che ciò sia contrario al proprio piano), o fermarsi dopo che è stato raggiunto il limite di perdita giornaliero o settimanale.

Come parte della preparazione per la modifica di un pattern, provare a implementare un "pattern positivo", ad esempio utilizzando programmi per testare la riproduzione e fare trading sulla cronologia. Tuttavia, tieni presente che in questo modo aiuti solo i tuoi schemi a cambiare ma questo non è ancora abbastanza perché le azioni impulsive che portano a scambi distruttivi circonferiscono la logica mentre emergono da alcuni schemi subconsci, precedentemente imposti alla tua psiche in altre situazioni.

Quando stai cercando di cambiare qualcosa, rendersi conto dei tuoi trigger (fattori o circostanze che attivano il pattern) potrebbe essere utile.

Il tuo fattore scatenante potrebbe essere un forte movimento di mercato (un balzo di volatilità); un trader può reagire in modo completamente diverso, a seconda che abbia aperto o meno una posizione. Ad esempio, guardare i tuoi profitti cartacei cambiare rapidamente dopo un'ondata di volatilità può innescare un comportamento protettivo: chiudi la tua posizione. Oppure (se non hai una posizione aperta) puoi iniziare a comprare in "declino" dopo i picchi.

Inoltre, una situazione fuori mercato potrebbe scatenarti: una conversazione spiacevole o qualcos'altro che provoca ansia o il desiderio di dimostrare qualcosa.

sommario

Se conosci i fattori scatenanti, ti prepari per determinati eventi e agisci con cautela. La situazione più pericolosa è influenzata da più fattori scatenanti contemporaneamente. Una tale sequenza di trigger può includere una situazione fuori mercato, una posizione aperta, un precedente drawdown (o, viceversa, una serie redditizia di scambi), un'impennata della volatilità del mercato. In una situazione del genere, un trader molto probabilmente inizierà ad agire secondo il proprio schema normale (distruttivo).

Ricorda sempre che nel processo di cambiamento a volte potresti ritirarti, ma spetta a te decidere se un pullback si trasformerà in un guasto o meno (in caso di guasto, intendo un ritorno completo allo schema precedente).




Commenti

Articolo precedente

Psicologia del trader: come vincere la paura?

La psicologia è una parte importante del successo di un trader nel mercato Forex. Il controllo sulle emozioni (ansia e paura del commerciante) è parte integrante di qualsiasi strategia di trading.

Prossimo articolo

Una settimana al mercato (08/10 - 08/17): è ora di riconsiderare i piani

Gli Stati Uniti hanno riferito sul mercato del lavoro, il che significa che è giunto il momento di aspettarsi nuovi dati da altre economie globali altrettanto importanti.