Una settimana al mercato (11/01 - 11/09): politica, Fed e tante emozioni

Una settimana al mercato (11/01 - 11/09): politica, Fed e tante emozioni

Visualizzazioni: vista 111
Momento della lettura: 3 verbale



La prima settimana di novembre potrebbe diventare la più emozionante quest'anno, a parte il panico di marzo. L'evento principale sono le elezioni presidenziali negli Stati Uniti che creeranno uno sfondo emotivo per tutta la settimana. Ci saranno anche statistiche, ma al momento la sua influenza sarà alquanto limitata.

Elezioni presidenziali americane: l'atmosfera della settimana

Elezioni presidenziali americane: l'atmosfera della settimana

Martedì 3 novembre, negli Stati Uniti si terranno le elezioni presidenziali. I candidati principali sono due: Donald Trump e Joseph Biden; in ognuno dei due casi, l'economia e la situazione politica degli Stati Uniti saranno piene di rischi. Nessuno sa come finirà la corsa elettorale; nessuno sa cosa aspettarsi. L'USD è attualmente forte grazie alla forte domanda di beni rifugio; ma subito dopo che i risultati della votazione saranno noti, la volatilità potrebbe aumentare. Ciò potrebbe significare un ulteriore rafforzamento.

EUR: debole a causa del blocco

EUR: debole a causa del blocco

Lunedì, la Germania e poi la Francia attueranno il regime del cosiddetto blocco "soft". Le misure restrittive sono volte a togliere un certo carico al settore sanitario e ad ostacolare la diffusione del coronavirus; tuttavia, gli investitori sono seriamente preoccupati che allo stesso tempo possano danneggiare ulteriormente l'economia. L'EUR rimane nella zona di rischio a causa dell'influenza di questo catalizzatore.

L'incontro della Fed: i mercati hanno bisogno di segnali

L'incontro della Fed: i mercati hanno bisogno di segnali

La riunione di novembre della Fed statunitense di questa settimana non dovrebbe riservare sorprese: il tasso di interesse rimarrà all'interno del target range dello 0-0.25%, mentre i commenti del capo del sistema Jerome Powell potrebbero rivelarsi super soft. Tuttavia, gli investitori sono estremamente interessati alle prospettive di un ulteriore indebolimento del credito e della politica monetaria: qualsiasi accenno al riguardo lascerà l'USD senza supporto.

Ancora USA: le statistiche sull'occupazione

Ancora USA: le statistiche sull'occupazione

Gli Stati Uniti stanno travolgendo il mercato questa settimana e non c'è aiuto. Ci sono molte statistiche previste sul calendario macroeconomico, tuttavia, tutta l'attenzione sarà richiamata sul blocco dei rapporti sull'occupazione nel mese di ottobre. Il mercato del lavoro statunitense potrebbe aver raggiunto una sorta di plateau e la mancanza di miglioramenti sarà valutata come un segnale negativo. Questo potrebbe diventare un problema per il tasso dell'USD.

L'AUD: la RBA disturberà il mercato

L'AUD: la RBA disturberà il mercato

Anche la Reserve Bank of Australia ha in programma il suo incontro per la prossima settimana. Molto probabilmente, il tasso di interesse scenderà allo 0.10% annuo dallo 0.25% - ci sono stati molti suggerimenti su di esso. La diminuzione del tasso di interesse farà scendere l'AUD, tuttavia, sta già guardando verso il basso.




Commenti

Articolo precedente

Come tenere un diario di trading: consigli pratici

Un diario di trading aiuta non solo a preparare bene le negoziazioni, ma anche ad analizzare i risultati del trading.

Prossimo articolo

Ho per scambiare i motivi grafici di Bryce Gilmore

In questo articolo, discuteremo solo le principali strutture di prezzo. L'autore ha in serbo molti modelli ma non è necessario conoscerli tutti per fare trading con successo: puoi sceglierne un paio e imparare a usarli correttamente nel rispetto delle tue regole di gestione del capitale.