Le quote petrolifere rimarranno? OPEC + Opinions Diverge

Le quote petrolifere rimarranno? OPEC + Opinions Diverge

Visualizzazioni: vista 13
Momento della lettura: 2 verbale



Alla fine di novembre, il mercato mondiale del petrolio ha iniziato a riprendersi. Grazie alla vittoria di Joe Biden, al periodo di transizione presidenziale negli USA, ai successi con il vaccino anti-coronavirus, il prezzo di un futures di gennaio per il Brent ha continuato a crescere per 5 giorni consecutivi e ha raggiunto i 48.18 dollari al barile per la prima volta da marzo.

Ora l'OPEC deve decidere se liberare la produzione di petrolio che doveva essere limitata a causa della diminuzione della domanda di petrolio durante le pandemie. Parliamo della riunione dell'OPEC +, delle loro decisioni e delle possibili conseguenze.

Come è andata la conferenza?

Secondo Bloomberg, il 29 novembre, i ministri di 23 paesi hanno tenuto una conferenza online chiusa. La questione principale di discussione era se preservare o rimuovere le restrizioni alla produzione di petrolio nel 2021.

Secondo Bloomberg, la maggioranza ha votato a favore delle restrizioni nel primo trimestre del prossimo anno. Tuttavia, gli Emirati Arabi Uniti e il Kazakistan hanno insistito per aumentare la produzione.

I partecipanti non sono riusciti a prendere alcuna decisione unificata. La prossima conferenza era prevista per il 1 ° dicembre ma poi riprogrammata per il 3 dicembre.

Quali potrebbero essere le conseguenze?

Molti partecipanti al cartello petrolifero notano che la crescita dei prezzi del petrolio è fragile e instabile. Quindi richiedono prudenza e cura.

A dimostrazione della fragilità: il 30 novembre un barile di Brent ha perso l'1.22% del prezzo e costava 47.59 $. Il 1 ° dicembre le quotazioni dell'ICE a Londra hanno continuato a scendere, dello 0.36% in più, raggiungendo i 47.42 $.

E questo è solo l'inizio. Se le parti non sono d'accordo, in un mese la produzione aumenterà di 1.9 milioni di barili al giorno in tutti i paesi OPEC. Nel contesto attuale, ciò metterà chiaramente l'offerta sulla domanda e farà scendere il prezzo.

Cosa c'è dietro la posizione degli Emirati Arabi Uniti?

Oggi la quota per gli Emirati Arabi Uniti, secondo l'accordo OPEC +, ammonta a 2.6 milioni di barili / giorno. Permettetemi di ricordarvi che nel 2019 il governo ha espresso i suoi piani per il 2020, dove ha menzionato, tra le altre cose, la produzione giornaliera di petrolio di 3.5 milioni di barili. Le restrizioni sono piuttosto serie, come puoi vedere.

Il ministro dell'Energia Suhail al-Mazroui alla videoconferenza ha sottolineato che alcuni paesi non hanno ridotto la produzione come promesso. Poi ha espresso la posizione ufficiale del Paese: la produzione aumenterà nel 2021. Le voci sull'uscita degli Emirati Arabi Uniti dall'OPEC sembrano prendere piede dopo tali dichiarazioni.

Ricordiamo inoltre che, secondo Bloomberg, a novembre, ad Abu Dhabi è stato scoperto un giacimento petrolifero per 2 miliardi di barili. Ciò significa che gli Emirati Arabi Uniti ora possiedono 107 miliardi di barili.

Inoltre, si è saputo che una società statale Adnoc prevede di aumentare lo stock di petrolio difficile da ottenere a 22 miliardi di barili e lanciare un programma di investimenti per aumentare la produzione a 5 milioni di barili / giorno in 10 anni.

Riassumendo

Il 29 novembre, i membri dell'OPEC + non sono riusciti a concordare i limiti della produzione di petrolio volti a stabilizzare la situazione nel mercato. Gli analisti sperano che il 3 dicembre venga trovata una decisione reciproca.

Bloomberg osserva che tutti i paesi esportatori si rendono conto dell'importanza delle quote. Tuttavia, tali conferenze offrono ai principali attori la possibilità di contrattare e ottenere condizioni migliori.

Molti esperti sono sicuri che le parti troveranno una versione dell'accordo che renderà felici tutte le parti. Presto vedremo se tale ottimismo è giusto.




Tratteremo qualsiasi tema di attualità sul trading e gli investimenti se lo trovi utile.

Commenti

Articolo precedente

Le azioni della General Electric guadagnano il 75% a novembre: cosa c'è dopo?

Oggi discuteremo di General Electric e se investire in essa.

Articolo prossimo

Come investire in argento: strumenti disponibili per gli investitori

In questa panoramica, discuteremo perché l'argento sembra attraente per gli investitori e quali strumenti scegliere per investire in esso.