IPO di Upstart Holdings: Intelligenza artificiale nel punteggio di credito

IPO di Upstart Holdings: Artificial Intelligence in Credit Scoring

Visualizzazioni: vista 575
Momento della lettura: 5 verbale



Nel sistema bancario, uno dei maggiori problemi nel concedere prestiti senza ipoteca è trovare un mutuatario affidabile. La formazione di un database di storie di credito è diventata la soluzione più semplice; tuttavia, i vecchi prestiti estinti non garantiscono pagamenti futuri. Questo è il motivo per cui è stato implementato un nuovo modello di credit scoring: valuta i potenziali mutuatari per la loro affidabilità.

IPO di Upstart Holdings

Negli Stati Uniti dal 1989 viene utilizzato un sistema di punteggio denominato FICO; Il 90% delle domande di credito viene valutato da esso. FICO valuta la storia del credito (durata, qualità), il volume del prestito e la diversificazione dei prestiti. Tuttavia, anche con questo sistema, c'è una situazione piuttosto strana, quando l'80% dei cittadini statunitensi ha una buona storia creditizia ma solo il 48% delle richieste di prestiti a condizioni agevolate viene approvato dal sistema.

I fondatori di Upstart hanno suggerito che nel 2021 dovrebbero essere implementati algoritmi di machine learning nel sistema di punteggio che aumenterà il numero di domande approvate ma non diminuirà la qualità del portafoglio crediti. Il 15 dicembre, Upstart avrà un'IPO nel NASDAQ con il ticker UPST. Le negoziazioni inizieranno il 16 dicembre. Discuteremo l'attività dell'azienda e le sue prospettive a medio termine.

L'attività di Upstart Holdings

La società ha suggerito un miglioramento unico nel sistema di punteggio dei mutuatari. Oltre ai criteri standard per FICO, il loro modello include circa 1,600 nuovi. In particolare, controlla il college in cui si è diplomato il mutuatario, i corsi che ha frequentato e il punteggio. Il nuovo sistema forma quindi un'immagine molto più precisa del mutuatario.

L'attività di Upstart Holdings

Con il modello Upstart, sono stati concessi 622,000 prestiti, il 27% dei quali a condizioni agevolate, con interessi inferiori del 16% rispetto al normale. La qualità del portafoglio crediti, intanto, resta nella media del sistema bancario. Ogni mutuatario ottiene una valutazione riflessa nell'app mobile.

Upstart offre alle banche l'accesso a un sistema cloud di punteggio, ottenendo una commissione pagata per questo. Inoltre, le banche possono avviare una partnership White Label quando il punteggio viene effettuato con il loro marchio. Attualmente, Upstart ha 10 banche partner, la più grande è la Cross River Bank. Supporta le startup fin-tech che lavorano nei settori dei sistemi di pagamento elettronico, dei prestiti P2P, degli operatori di Ripple e dei mercati. Tramite i partner, Upstart lavora con Morgan Stanley, Goldman Sachs e PIMCO.

Per stimare correttamente la crescita potenziale della capitalizzazione dell'azienda, è necessario comprendere i volumi del segmento di mercato dell'azienda.

Prospettive di mercato

Secondo il Federal Reserve System, da aprile 2019 a marzo 2020, sono stati concessi prestiti al consumo per 3.6 trilioni di dollari, di cui 118 miliardi di dollari non ipotecati. Le famiglie spendono in media il 10% del loro reddito per estinguere i debiti. Le principali banche di sistema degli Stati Uniti spendono circa 38 miliardi di dollari per il miglioramento della tecnologia di accreditamento. La ricerca viene condotta anche nella sfera dell'intelligenza artificiale, tuttavia le banche non sono ancora sicure che tale tecnologia sia sufficientemente affidabile.

Upstart si concentra ora sul punteggio per i prestiti non ipotecati, il cui volume cresce del 7-8% annuo. L'azienda si sta però sviluppando anche nel settore dei mutui ipotecari. A settembre 2020 è stato approvato il primo prestito auto sulla piattaforma Upstart. Il volume dei prestiti per auto nel periodo aprile 2019 - marzo 2020 è stato pari a 625 miliardi di dollari.

Pertanto, l'azienda sta lavorando in un mercato liquido e in crescita e ha una tecnologia AI rivoluzionaria. In futuro, l'intelligenza artificiale può aumentare il mercato dei crediti negli Stati Uniti a 13 trilioni di dollari.

I principali rivali di Upstart sono Funding Circle, Social Finance, Prosper, Daric e Peerform.

Upstart Holdings performance finanziaria

La società sta effettuando un'IPO redditizia per 9 mesi del 2020. Tuttavia, in precedenza, la società ha registrato perdite alla fine dell'anno. Quindi, iniziamo con i ricavi dell'azienda e vediamo come è riuscita l'azienda a raggiungere l'attuale risultato positivo.

Upstart Holdings performance finanziaria

Negli ultimi 12 mesi, Upstart ha generato entrate per 209.28 miliardi di dollari. Entro la fine dell'anno, si prevede che raggiungerà i 236.43 miliardi di dollari. Rispetto allo stesso periodo del 2019, i ricavi dei tre trimestri del 2020 ammontano al 44.23%. Nel 2019, i ricavi sono cresciuti del 65.32% rispetto al 2018. Nel 2018 rispetto al 2017, la velocità di crescita è stata del 72.94%. Vediamo che l'attività sta crescendo di oltre il 40% a / a. Entro la fine dei tre trimestri del 2020, l'utile netto ammontava a 4.55 miliardi di dollari.

Il risultato finanziario raggiunto è stato assicurato grazie a un prestito governativo rimborsabile di 5.5 milioni di dollari dal programma Paycheck Protection. Inoltre, durante i 9 mesi del 2020, Upstart ha ridotto le proprie spese operative del 33%.

Non vi è alcuna garanzia che la società rimarrà redditizia nel 2021. Potrebbe non avere più il sostegno del governo, mentre le sue spese potrebbero crescere insieme alla crescita del business. Quindi, un'idea che Upstart si sta sviluppando in modo stabile e redditizio sarebbe preliminare. Valutiamo ora i vantaggi e gli svantaggi di investire in questa azienda.

Lati forti e deboli di Upstart

I lati forti di Upstart Holdings sarebbero:

  • L'azienda ha chiuso i tre trimestri del 2020 con un profitto;
  • Upstart ha accumulato 15 miliardi di punti dati (parametri di punteggio);
  • Sulla piattaforma sono stati approvati 622,079 prestiti;
  • Il tasso di perdita è stato ridotto del 75%;
  • La concessione di prestiti è diventata automatica al 70%;
  • La tecnologia AI di Upstart può aumentare il mercato dei prestiti negli Stati Uniti a 13 trilioni di dollari.

Tra i lati deboli dell'azienda nomerei:

  • Nessuna diversificazione: il profitto è generato da un unico prodotto;
  • Gran parte dei prestiti è data dalla Cross River Bank (72% nel 2020 (;
  • Le banche di sistema non si affrettano ancora a diventare clienti di Upstart, limitandosi ai contatti con i propri partner;
  • I profitti dell'azienda si sono ridotti a causa delle pandemie COVID-19;
  • Il modello di machine learning non è stato sottoposto a stress test durante crisi economiche o lunghe recessioni;
  • C'è il rischio che la Fed limiti le attività dell'azienda.

Ora che conosciamo la performance finanziaria dell'azienda, i volumi di mercato e il modello di business, possiamo passare ai dettagli dell'IPO.

Dettagli e stima dell'IPO

I sottoscrittori dell'IPO sono Blaylock Van, LLC, Jefferies LLC, JMP Securities LLC, Barclays Capital Inc, Goldman Sachs & Co. LLC, BofA Securities, Inc. e Citigroup Global Markets Inc. Come vediamo, questi sono gli investimenti principali aziende.

Upstart Holdings prevede di offrire circa 12 milioni di azioni per 20-22 USD ciascuna. Si noti che la società stessa venderà circa 9 milioni di azioni, i restanti 3 milioni saranno venduti dagli azionisti, incluso il fondatore dell'azienda Dave Girouard, che prevede di vendere 1 milione di azioni. Il 18.6% delle azioni Upstart sarà in circolazione dopo l'IPO. Nel complesso, la società prevede di attrarre da 240.3 a 263.4 miliardi di dollari.

Il denaro attratto sarà utilizzato per le spese aziendali: capitale, quelle operative e aggiunta al capitale circolante. Una parte dei fondi potrebbe essere destinata a fusioni e acquisto di nuove tecnologie.

Inoltre, possiamo utilizzare l'analisi comparativa per stimare l'azienda. Il suo analogo di mercato è Bill, stimato in 66 ricavi. Il diretto rivale di Upstart - Fair Isaac che possiede una tecnologia di punteggio obsoleta (secondo Upstart) - è stimato in 11 ricavi. Se Upstart Holdings viene stimato allo stesso modo, la sua capitalizzazione potrebbe raggiungere i 2.6 miliardi di dollari e il suo potenziale di crescita è del 73.33%.

Con tutto quanto detto sopra, consiglio di considerare investimenti in questa azienda. Anche se non ci sarà un aumento della domanda per le azioni della società prima di Natale, assisteremo all'interesse dei grandi investitori istituzionali già nel 2021.

Investire in azioni americane con RoboForex a condizioni vantaggiose! Le azioni reali possono essere negoziate sulla piattaforma R Trader da $ 0.0045 per azione, con una commissione di negoziazione minima di $ 0.25. Puoi anche provare le tue abilità di trading in Piattaforma R Trader su un account demo, registrati su RoboForex.com e aprire un conto di trading.




Tratteremo qualsiasi tema di attualità sul trading e gli investimenti se lo trovi utile.

Commenti

Articolo precedente

Una settimana al mercato (12/14 - 12/20): banche centrali e statistiche

La nuova settimana di dicembre potrebbe sembrare interessante solo perché sono in programma molte conferenze della banca centrale. Ne discuteremo separatamente.

Articolo prossimo

Facebook accusato di monopolizzare. Gli investitori sono premurosi

A breve termine, le azioni di Facebook godranno della domanda mentre i suoi rapporti trimestrali sono buoni, ma le notizie sul processo convinceranno gli investitori a prendersi il loro tempo.