La seconda settimana del mese non è troppo ricca di macrostatistica ma ci sono sicuramente delle cose da guardare: la seduta della RBA, i commenti di Powell, il capo della Fed, e qualche cifra.

USD: il dollaro resta forte

Il flusso principale delle più importanti statistiche statunitensi è terminato, tuttavia, nella nuova settimana di aprile prestare attenzione ai dati sul credito al consumo, al PPI e ad alcuni rilasci secondari. Il capo della Fed statunitense Jerome Powell pronuncerà un discorso, insieme a diversi capi della banca della Federal Reserve. Il dollaro USA rimane forte e ci sono pochi fattori che possono ridurlo in questi giorni.

AUD: la RBA deciderà sul tasso di interesse

La Reserve Bank of Australia ha una sessione questa settimana, pianificando di prendere alcune decisioni sulla sua politica monetaria e creditizia. Il tasso di interesse è al minimo dello 0.10% annuo ed è probabile che rimanga tale. Nei commenti, la RBA potrebbe notare alcuni miglioramenti nel settore dell'occupazione, che fornirà un supporto sostanziale per l'AUD.

JPY: le statistiche mostreranno la realtà dell'economia

Questa settimana, il Giappone pubblica rapporti sui guadagni medi e sulla spesa delle famiglie a febbraio; siamo interessati a quest'ultima versione come il modo più dimostrativo per valutare la spesa della popolazione. È probabile che l'indicatore continui a diminuire, riflettendo i problemi dell'economia. Normalmente, lo JPY non reagisce alle statistiche, ma se dovessero risultare negative, la valuta potrebbe diminuire.

La Fed: ci sono accenni sull'aumento del tasso di interesse a verbale?

Questa settimana, il sistema della Federal Reserve statunitense pubblica i verbali della sua precedente sessione. Il mercato continua a pensare che la Fed dovrà inasprire le condizioni prima del previsto, quindi gli investitori cercheranno indicazioni di un eventuale aumento del tasso di interesse in tutti i documenti (e qui i verbali sono perfetti). Questa volta, è improbabile che trovino qualcosa, il che significa che l'USD rimarrà neutrale.

EUR: gli investitori sono interessati alle statistiche tedesche

Questa settimana, la Germania pubblica i dati sulla bilancia commerciale, la produzione industriale, gli ordini industriali e il PMI relativo ai servizi. L'euro è più sensibile alle statistiche tedesche che a quelle generali europee, quindi dati buoni supporteranno la valuta e cifre deboli la spingeranno verso il basso.


Il materiale è preparato da

Un trader Forex con più di 10 anni di esperienza nelle principali banche di investimento. Fornisce la sua visione ponderata dei mercati attraverso articoli analitici, regolarmente pubblicati da RoboForex e altre fonti finanziarie popolari.