È giunto il momento di conoscere i dettagli del commercio più interessato questa settimana. Basta guardare i nomi delle aziende che vi hanno preso parte: Hyundai Motor Group, SoftBank Group e Boston Dynamics.

Scopriamo cosa hanno concordato le parti, perché la holding sudcoreana ha bisogno della quota di controllo dello sviluppatore di robot americano e come hanno reagito le azioni dei conglomerati asiatici. Eccoci qui.

Contratti Hyundai e SoftBank

Il 21 giugno, sul sito di Boston Dynamics, si legge che la quota di controllo della società ha cambiato proprietario. Una holding sudcoreana multi-ramo Hyundai Motor Group ha acquistato l'80% delle azioni dello sviluppatore di robot da un conglomerato giapponese SoftBank Group.

Entriamo nei dettagli del commercio. Abbiamo sentito che le parti hanno concordato 1.1 miliardi di dollari. SoftBank Group lascia per sé il 20% delle azioni di Boston Dynamics. Ciò che è veramente importante, il commercio è stato approvato dai regolatori.

Di cosa ha bisogno il controllo di Hyundai su Boston Dynamics?

Molti associano Hyundai solo alla produzione di automobili. Tuttavia, questo è solo un ramo di ciò che fa l'azienda. Oltre a fabbricare automobili, produce acciaio, pezzi di ricambio per automobili e lavora nell'edilizia.

Su scala ridotta, Hyundai Motor Group è presente in settori quali ingegneria ferroviaria e della difesa, industria pesante, ingegneria domestica e industriale, pubblicità e IT, logistica, economia e finanza.

Vedete, ci sono molte opportunità per integrare soluzioni moderne di Boston Dynamics nel business. Inoltre, nella sede di Seoul sono sicuri che l'azienda diventerà leader nella robotica rivoluzionaria che offrirà la massima mobilità, vaste opportunità di manipolazione e tecnologie ottiche.

Per diventare il principale produttore di prodotti high-tech del futuro, il conglomerato sudcoreano investe attivamente nella ricerca sull'intelligenza artificiale, nei sistemi di pilotaggio automatico e nei sistemi di trasporto aereo urbano, negli impianti automatici e robotici.

Azioni Hyundai e SoftBank in crescita

La notizia dell'acquisizione da parte di Hyundai della quota di controllo di Boston Dynamics ha fatto crescere le azioni di Hyundai Motor Group (KS: 005380) del 3.43% a 241,000 KRW il 22 giugno. Quando stavo preparando questo articolo, le quotazioni sono aumentate di nuovo - dello 0.62% a 242,500 KRW.

Per quanto riguarda le azioni di SoftBank Group (T: 9984), ieri hanno chiuso con un surplus dell'1.89% a 7,702 JPY. Oggi, invece, hanno cambiato direzione, scendendo dello 0.18% a 7,688 JPY.

Analisi tecnica di SoftBank e Hyundai di Maksim Artyomov

"Le azioni del gruppo SoftBank continuano a correggere all'interno della tendenza al ribasso generale. Il prezzo sta rimbalzando sul bordo inferiore del canale discendente ed è probabile che si diriga verso la media mobile a 200 giorni. È stato scambiato sotto quest'ultimo per diverse settimane. Il potenziale l'obiettivo per la correzione è il livello di resistenza orizzontale di 8,800 JPY.Tuttavia, il prezzo potrebbe ancora rimbalzare dalla media mobile a 200 giorni e continuare a scendere all'interno del canale.

Analisi tecnica delle azioni del Gruppo SoftBank per il 23 giugno 2021

In D1, Hyundai Motor Shares mantiene il trend rialzista, formando un rimbalzo sul bordo inferiore del canale ascendente. Le quotazioni restano al di sopra della media mobile a 200 giorni, supportando il trend rialzista. Un breakaway del livello di resistenza più vicino fungerà da ulteriore segnale che conferma la crescita delle quotazioni al livello di resistenza di 276,880 KRW".

Analisi tecnica delle azioni Hyundai Motor Group per il 23 giugno 2021

Riassumendo

Abbiamo saputo che il gruppo giapponese SoftBank ha venduto l'80% delle azioni di Boston Dynamics al gruppo sudcoreano Hyundai Motor per 1.1 miliardi di dollari. Dopo gli scambi, le azioni dei colossi asiatici hanno mostrato una crescita. Nel frattempo, la holding giapponese lascia per sé il 20% delle azioni della società di robotica americana.


Il materiale è preparato da

È il guru della ricerca e della dimostrazione di opportunità nascoste e intuizioni del mercato. Scrive di tutto ciò che potrebbe interessare l'investitore: azioni, valute, indici e varie sfere di affari. È "in" dal 2019.