NZD/USD: breve storia

Il nome completo di NZD è dollaro neozelandese (NZ$). La sua storia è iniziata negli anni '1970 a seguito di colloqui all'interno del Fondo monetario internazionale. Sono state prese diverse decisioni sulla conversione gratuita tramite un tasso variabile basato sull'equilibrio domanda-offerta nel mercato

Fino al 1967, la valuta nazionale della Nuova Zelanda era legata alla sterlina britannica e chiamata sterlina neozelandese. Nel 1967, i dollari neozelandesi furono stampati per la prima volta e vincolati al tasso di cambio dell'USD. Nel 1973, il legame fluttuante con il dollaro americano è cambiato per un legame con un paniere delle valute dei principali partner commerciali. Tuttavia, anche una tale alterazione della dipendenza non ha salvato l'economia della Nuova Zelanda dalle grandi crisi del XX secolo. Tuttavia, NZD/USD è al giorno d'oggi una delle 20 coppie di valute più popolari in Ad esempio. Tra i commercianti, questa coppia viene spesso chiamata dollaro Kiwi perché questo uccello è impresso in una moneta da 8 dollaro. Il kiwi è un simbolo nazionale della Nuova Zelanda.

Cosa influenza NZD/USD

La valuta nazionale della Nuova Zelanda è una valuta merce altamente redditizia. I suoi movimenti nel Forex sono correlati al petrolio e all'oro. Un importante partner economico della Nuova Zelanda è l'Australia, quindi tutti gli eventi macroeconomici in Australia riflettono direttamente il mio tasso di NZD. Allo stesso tempo, il NZD è correlato all'USD, il che significa che anche gli indici macroeconomici americani influenzano il NZD.

La Banca centrale della Nuova Zelanda lotta contro un rafforzamento eccessivo della valuta nazionale per sostenere l'esportazione. Questo spesso porta ad una maggiore volatilità del mercato della valuta.

La banca centrale della Nuova Zelanda pubblica i dati principali una volta al trimestre e presenta annualmente un rapporto finale. Quindi, il mercato ha buone possibilità di utilizzare questa coppia come bene rifugio. I trader utilizzano con successo la strategia di carry trade per realizzare un profitto sul dollaro Kiwi.

Come negoziare NZD/USD nel Forex?

Puoi negoziare NZD/USD tramite analisi fondamentale, analisi tecnica o indicatori.

Negoziazione mediante analisi fondamentale

I fattori fondamentali sono:

  • notizie economiche
  • notizie politiche che influenzano l'economia
  • decisioni dell'OdC sul tasso di interesse.

Puoi fare trading a breve termine su notizie economiche oa medio termine su eventi politici e decisioni CB sul tasso di interesse. A titolo di esempio, vedere allegato un D1 nel momento in cui la decisione sul tasso di interesse è stata annunciata il 20 agosto 2021.

Il grafico NZD/USD nel momento in cui sono stati annunciati i tassi di interesse
Il grafico NZD/USD nel momento in cui sono stati annunciati i tassi di interesse

Il mercato ha iniziato a crescere il 20 agosto proprio quando la Bce ha annunciato che avrebbe lasciato il tasso di interesse allo 0.25%. Allo stesso tempo, però, avevano promesso che sarebbe salito allo 0.5% entro la fine dell'anno e al 2% entro il 2024. Il mercato ha giudicato positiva questa notizia e ha iniziato a comprare. Come vedi, il prezzo è cresciuto in modo abbastanza evidente, il che significa che gli operatori del mercato presto trarranno profitto. Un altro fattore che ha influenzato i trader è stata la crescita delle quotazioni nei mercati delle materie prime.

Tabella del petrolio Brent
Tabella del petrolio Brent
Grafico dell'oro
Grafico dell'oro

Trading mediante analisi tecniche

L'analisi tecnica include l'utilizzo di un approccio classico ai grafici di autori come Elliott, Williams, Raschke, ecc., nonché l'uso di vari modelli di analisi tecnica: triangolo, cuneo, testa e spalle, ecc. Ad esempio, guarda il grafico di NZD/USD a partire dal 20 marzo 2020.

Grafico NZD / USD
Grafico NZD / USD


La struttura di un'onda di Elliott che inizia a formarsi il 15 marzo 2020, quasi nello stesso momento in cui è stato annunciato l'inizio della pandemia di COVID-19. Il NZD inizia a formare la sua onda di Elliott (vedi i segni dell'onda sopra).

Strategie degli indicatori

L'uso di strategie di indicatori implica l'utilizzo di segnali di trading generati da indicatori nel tuo terminale di trading. Ad esempio, vedere sotto l'uso di un MACD classico.

Grafico NZD/USD con il classico MACD
Grafico NZD/USD con il classico MACD

L'indicatore forma segnali per acquistare e vendere sul grafico e il trader decide quali operazioni di trading effettuare per realizzare profitti. Scopri di più sul MACD in un articolo separato su questo indicatore.

Riflessioni conclusive

NZD/USD è una coppia importante che è frequente nei portafogli della maggior parte dei trader. L'elevata volatilità attrae operatori di mercato da tutto il mondo. Tuttavia, per realizzare un profitto, è necessaria una buona strategia di trading che segua le regole del trading Forex. Per i segnali, puoi rivolgerti al set standard di indicatori installati su MetaTrader 4 e MetaTrader 5. Cerca di utilizzare almeno due indicatori in modo che il secondo confermi i segnali del primo. Imposta gli indicatori per la tua strategia di trading in modo specifico.

Consiglio ai principianti di creare la propria strategia di trading e di testarla su un conto demo. Se i risultati sono buoni e stabili, inizia a lavorare su un conto reale.

Buona fortuna con il tuo trading!


Il materiale è preparato da

È nel Forex dal 2000. Nel 2005 ha progettato il suo sistema di trading chiamato Extra. È stato un autore statale di articoli sull'analisi tecnologica per i clienti RoboForex negli ultimi 10 anni.