Ci sono molti strumenti per analizzare le aziende, rapporti finanziari tra di loro. Oggi parlo di uno di questi: il rapporto debito/equità, o debito/equità.

Dimostra il rapporto tra il capitale che la società possiede e quello che presta. In parole povere, è il debito della società diviso per il suo capitale proprio, proprio come dice il nome. Il moltiplicatore aiuta a capire cosa comprendeva il patrimonio dell'azienda. In alcuni casi, D/E è anche chiamato leva finanziaria.

Il rapporto è utile per verificare l'attuale situazione finanziaria dell'azienda, se potrà svilupparsi in futuro e se genererà profitto.

Come calcolare il debito a patrimonio netto

La formula per D/E è la seguente:

Rapporto debito/patrimonio netto = passività/attività

  • I beni di un'azienda sono tutti i soldi che ha.
  • Le passività sono tutto il denaro è preso in prestito (crediti, prestiti, debiti).
  • Le passività a breve termine vengono utilizzate per ripianare i divari di cassa. Devono essere ripagati entro un anno, il che li fa "costare" di più.
  • Le passività a lungo termine vengono utilizzate per dare vita a grandi progetti. Devono essere ripagati entro diversi anni, il che li fa "costare" meno. In altre parole, tenendo conto dell'inflazione, più tempo passa dal momento in cui il denaro è stato preso in prestito fino al momento in cui deve essere restituito, meno questo debito costa.

Informazioni su passività e attività possono essere trovate in resoconti finanziari della società nella sezione Passivo di Stato Patrimoniale.

Si noti che non sempre il fatto che la società abbia determinati debiti è negativo per essa. Il denaro prestato facilita la ristrutturazione, lo sviluppo, la padronanza di nuove tecnologie e l'espansione dell'attività. Tutto questo può potenzialmente produrre un profitto. In breve, anche le grandi aziende di successo a volte prestano denaro per lo sviluppo del business.

Cosa significa D/E

  • Quando D/E è zero, l'azienda non utilizza denaro prestato, ma solo i propri beni. Questo non è sempre un buon segno. Possiamo concludere che il management è cauto riguardo alla finanza e in futuro l'azienda potrebbe realizzare meno profitti di quanto potrebbe. Di norma, tali società si sviluppano lentamente, ma godono della stabilità del mercato. Il denaro investito porterà un profitto modesto ma costante.
  • Sopra lo zero: questo significa che l'azienda presta dei soldi. Con tale D/E, le aziende possono potenzialmente aumentare i propri profitti. Tuttavia, è necessario sapere per cosa spendono i soldi prestati. La società potrebbe coprire i debiti più vecchi, diventando sempre più in difficoltà finanziarie. Tuttavia, le aziende tendono a utilizzare i loro prestiti con saggezza.
  • Sopra uno: l'azienda presta più soldi di quanti ne abbia. Se non ha abbastanza per saldare i suoi debiti, potrebbe finire in bancarotta.

Quale D/E è ottimale

La risposta dipende dal settore in cui opera l'azienda. Il livello condizionalmente ottimale è 0.5-0.7. Ciò significa che l'azienda utilizza correttamente la leva finanziaria e ha un futuro. In casi eccezionali, il D/E ottimale è considerato 1.

Vantaggi e svantaggi di D/E

I vantaggi sono:

  • Aiuta a confrontare le aziende in base al rapporto tra i propri soldi e debiti;
  • Mostra se l'azienda presta denaro in modo razionale;
  • Dimostra la solvibilità dell'azienda;
  • Aiuta a valutare le prospettive per lo sviluppo dell'azienda.

Svantaggi:

  • Non consente di confrontare aziende di diversi settori;
  • Differisce notevolmente per le aziende dello stesso settore ma di paesi diversi;
  • Ha bisogno di nuove informazioni su passività e attività che normalmente vengono pubblicate una volta al trimestre.

Linea di fondo

Il rapporto Debt to Equity mostra il rapporto tra le passività della società e il suo patrimonio netto. Come indicatore presenta vantaggi e svantaggi e deve essere utilizzato insieme ad altri nella valutazione delle opzioni di investimento.

Tieni presente che le passività maggiori dell'equità non sono sempre negative. I prestiti, in particolare quelli a lungo termine, purché utilizzati con saggezza, aiutano l'azienda a sviluppare e aumentare i profitti.


Il materiale è preparato da

È nel Forex dal 2009, commercia anche in borsa. Partecipa regolarmente ai webinar RoboForex destinati a clienti con qualsiasi livello di esperienza.