Questa settimana, gli investitori si concentreranno sui discorsi pronunciati dai capi delle banche centrali dell'UE, della zona euro e della Gran Bretagna, nonché sulla stima del PIL degli Stati Uniti. È giunto il momento di guardarsi intorno mentre non ci sono molte statistiche in giro.

USA: occhi sul PIL

USA: occhi sul PIL

A breve è prevista la seconda stima del PIL statunitense per il primo trimestre: l'indicatore dovrebbe crescere leggermente, da -1% a -1.4%. Migliore è il risultato, meglio è per l'USD. Gli investitori sono preoccupati per l'economia statunitense, quindi qualsiasi prova di stabilità sarà un buon segnale.

Banche Centrali: tempo di commentare

Banche Centrali: tempo di commentare

A commentare saranno i vertici di Fed, BCE e BoE. È probabile che tutti i discorsi tocchino lo stato delle economie e le potenziali decisioni finanziarie. Attenersi alle strategie precedentemente indicate farà bene alle principali valute.

NZD: in attesa della decisione RBNZ

NZD: in attesa della decisione RBNZ

Alla prossima riunione, la banca di riserva della Nuova Zelanda prenderà decisioni sulla sua politica creditizia e monetaria. Il tasso di interesse dovrebbe crescere dall'1.5% al ​​2%.

L'autorità di regolamentazione deve inchiodare l'inflazione ed evitare di rimanere indietro rispetto alla tendenza globale a un credito più costoso. Per il NZD, questo è un segnale neutro perché il RBNZ si attiene al piano presentato in precedenza.

JPY: le informazioni sull'inflazione daranno supporto

JPY: le informazioni sull'inflazione daranno supporto

Il mercato si concentrerà su uno degli indici chiave per lo JPY: l'inflazione di base a Tokyo. Questo indicatore è in testa per l'intero CPI. L'inflazione dovrebbe crescere dall'1.9% al 2%.

Accelerare l'inflazione in questo caso fa bene al Paese, a differenza del resto del mondo, fintanto che il Giappone combatte da anni contro la deflazione. Per lo JPY, una notevole inflazione potrebbe diventare un buon supporto.

GBP: permangono problemi sistemici in economia

GBP: permangono problemi sistemici in economia

La Gran Bretagna pubblica alcune statistiche interessanti, come il PMI della produzione e dei servizi di maggio. Ciò fornirà una certa comprensione di ciò che sta accadendo nell'economia del paese.

Gli indicatori potrebbero mostrare un calo, che confermerà solo che l'economia britannica continua a far fronte a problemi sistemici. Questa non è la migliore notizia per il GBP.


Il materiale è preparato da

Un trader Forex con più di 10 anni di esperienza nelle principali banche di investimento. Fornisce la sua visione ponderata dei mercati attraverso articoli analitici, regolarmente pubblicati da RoboForex e altre fonti finanziarie popolari.