Il 1 febbraio, Alphabet Inc. (NASDAQ: GOOGL) ha annunciato a frazionamento azionario a 20 a 1. La scissione è prevista per il 15 luglio. La notizia ha fatto il Share il prezzo cresce bruscamente, dell'11% in 2 giorni. Tuttavia, diversi giorni dopo, le quotazioni sono tornate ai livelli iniziali. Se la società avesse pianificato la scissione nel 2021 piace Tesla (NASDAQ:TSLA), il risultato avrebbe potuto essere diverso.

Il frazionamento dei titoli Alphabet è un evento interessante? Dovremmo concentrarci su di esso? Per rispondere a queste domande, dobbiamo affrontare la storia e analizzare il comportamento delle azioni delle grandi società dopo le scissioni.

Obiettivo dei frazionamenti azionari

Perché le aziende effettuano frazionamenti azionari? L'obiettivo principale di una divisione è rendere le azioni più economiche, il che, a sua volta, le rende disponibili a una gamma più ampia di investitori.

Come si comportano le azioni dopo le notizie sull'imminente divisione

Una delle opzioni di comportamento più comuni è la crescita del prezzo delle azioni che dura fino a quando non si verifica effettivamente la divisione. Il motivo è il crescente interesse degli investitori a breve termine per le azioni. Tuttavia, il mercato può ancora comportarsi diversamente. Il momento della scissione ha molta importanza. Se succede quando la politica creditizia e monetaria è morbida, e il politica del QE viene effettuato, le possibilità di crescita del prezzo delle azioni aumentano. Vedi alcuni esempi di seguito.

Frazionamento azionario di NVIDIA Corporation

Un buon esempio è il frazionamento azionario di NVIDIA Corporation (NASDAQ: NVDA). Le informazioni sono apparse il 26 maggio 2021 e la scissione è avvenuta effettivamente il 20 luglio 2021. In questi mesi, il prezzo delle azioni è aumentato del 20%. Inoltre, nel 2021 la Fed stava attuando la politica di QE, che ha facilitato la crescita del mercato azionario nel suo complesso.

Grafico del prezzo delle azioni di NVIDIA Corporation
Grafico del prezzo delle azioni di NVIDIA Corporation

Frazionamento azionario di Apple

Un anno prima, Apple (NASDAQ:AAPL) effettuato anche un frazionamento azionario. La scissione è stata annunciata il 31 luglio 2020 ed effettuata il 31 agosto. Nel corso del mese, il prezzo delle azioni è cresciuto del 34%. Tieni presente che anche l'S&P 500 stava crescendo e la Fed aveva lanciato il programma di QE per sostenere l'economia.

Grafico del prezzo delle azioni Apple
Grafico del prezzo delle azioni Apple

Frazionamento azionario Tesla

Un altro buon esempio è la divisione delle azioni Tesla. Quando le quotazioni hanno raggiunto oltre 1,000 USD, la società ha iniziato a parlare della divisione, che è un'altra conferma della teoria secondo cui le aziende arrivano all'idea di frazionamento azionario quando il prezzo delle loro azioni aumenta abbastanza. La misura è stata annunciata ufficialmente l'11 agosto 2020. Le azioni hanno iniziato a negoziare al nuovo prezzo il 31 agosto. Durante il tempo di attesa, il prezzo delle azioni è cresciuto dell'80%. Qui, i crediti dovrebbero essere dati al capo dell'azienda Elon Musk, grazie a lui l'azienda era in cima ai titoli dei media in quel momento. In caso contrario, la crescita avrebbe potuto essere più modesta.

Grafico del prezzo delle azioni Tesla
Grafico del prezzo delle azioni Tesla

Cosa accomuna queste aziende

Tutte le società menzionate hanno annunciato la scissione e le loro azioni hanno iniziato a crescere prima che la scissione avvenisse effettivamente. Ma il dettaglio più importante è che la Fed stava portando avanti il ​​programma di QE in quel momento, grazie al quale il mercato azionario era generalmente ottimista e gli indici azionari hanno mostrato dinamiche positive. La conclusione è la seguente: quando il mercato azionario è favorevole, le azioni delle società che hanno annunciato un frazionamento azionario hanno buone possibilità di crescita.

Ma cosa succede al prezzo delle azioni quando la politica della Fed è l'opposto, cioè quando si parla di inasprimento della politica monetaria e chiusura del programma di QE? Diamo un'occhiata agli esempi:

Frazionamento azionario Amazon

Diamo uno sguardo a Amazon.com (NASDAQ: AMZN). Lì la scissione è avvenuta il 3 giugno. Siamo venuti a conoscenza di questi piani il 9 marzo e la notizia ha fatto crescere il prezzo del 22% nelle prime due settimane. Tuttavia, le quotazioni sono poi tornate ai livelli iniziali e, quando è avvenuta la divisione, le azioni erano scambiate del 10% in meno rispetto a marzo.

Grafico dei prezzi delle azioni Amazon.com

Frazionamento azionario DexCom

Il secondo esempio è DexCom Inc. (NASDAQ: DXCM). L'azienda produce apparecchiature per il trattamento del diabete. Come Amazon.com, ha annunciato la divisione a marzo. Nel breve periodo le azioni sono cresciute del 14% dopo la notizia, ma al momento del frazionamento (13 giugno) erano scambiate del 40% al di sotto dei livelli di marzo.

Grafico del prezzo delle azioni DexCom
Grafico del prezzo delle azioni DexCom

In questo caso, possiamo notare una correlazione diretta tra la politica creditizia e monetaria della Fed ei corsi azionari delle società che hanno annunciato scissioni. Inoltre, se controlli i grafici, vedrai la loro correlazione con l'S&P 500.

Cosa succede alle azioni dopo la divisione

Qui, ogni azienda ha una storia diversa. Dall'IPO, Apple ha effettuato frazionamenti azionari 5 volte e solo una volta che il prezzo delle azioni è sceso dopo l'evento, questo è successo durante la crisi delle dotcom. Le azioni hanno impiegato 4 anni per tornare ai livelli iniziali. In tutti gli altri casi, il prezzo delle azioni ha continuato a crescere dopo il frazionamento.

Dal 1999, NVIDIA ha anche effettuato 5 scissioni e 3 di loro hanno chiesto pazienza agli investitori perché il prezzo delle azioni ha impiegato molto tempo per riprendersi dopo di loro. Il primo caso è stato anche durante la crisi delle dotcom. Gli investitori non hanno dovuto aspettare a lungo e dopo 6 mesi le azioni hanno recuperato le posizioni perse. Tuttavia, 5 mesi dopo la direzione ha deciso un'altra divisione. Questa volta, gli investitori hanno dovuto aspettare 4 anni. È stata la più dura per chi ha acquistato le azioni dopo la scissione nel 2007, prima della crisi dei mutui. A quel tempo, le azioni persero l'80% del prezzo e si ripresero solo 9 anni dopo.

Nella storia di Alphabet, questo è il secondo frazionamento azionario. Il primo è avvenuto nel 2014, dopodiché le azioni sono cresciute del 323%.

Analizzando le azioni di tre colossi della tecnologia, giungiamo alla conclusione che i tempi della scissione hanno molta importanza per l'andamento del prezzo delle azioni. Se accade prima di una crisi, ci sono alte possibilità di caduta del prezzo delle azioni. In tempi diversi, molto probabilmente le azioni cresceranno per almeno 2 anni.

Perché bisogna prestare attenzione alle aziende che pianificano la scissione

Il primo motivo per cui l'emittente inizia a pensare al frazionamento azionario è il prezzo elevato delle azioni. I prezzi alti hanno direttamente a che fare con una forte domanda perché questo è ciò che spinge il prezzo verso l'alto. La domanda può essere creata dall'azienda stessa tramite il riacquisto programma – e anche dagli investitori.

Motivi per gli investitori di acquistare azioni

Possono considerare l'azienda promettente e con un potenziale di crescita e pensare che i suoi prodotti o servizi siano popolari nel mercato. Ad esempio, Tesla ha perso fino al 2019, ma le sue azioni hanno continuato a crescere dall'IPO perché la domanda per i suoi prodotti superava l'offerta. Elon Musk ha investito attivamente nell'espansione dei poteri di produzione, consentendo agli operatori del mercato di valutare le dimensioni future dell'azienda e dei suoi guadagni.

Coloro che preferiscono un'analisi scrupolosa dei report spesso scelgono aziende con una fonte di reddito stabile e prevedibile, alta redditività, debiti bassi e liquidità sufficiente. Questo gruppo di investitori crea la sua parte di domanda per le azioni.

Le società finanziariamente stabili normalmente tendono a supportare i propri investitori e iniziano a pagare dividendi o ad annunciare riacquisti. Questo attrae un altro gruppo di partecipanti al mercato che acquistano azioni non solo contando sulla crescita futura dei prezzi, ma anche su pagamenti di dividendi.

Riassumendo tutto quanto sopra, possiamo dire che i frazionamenti azionari sono generalmente effettuati da società finanziariamente stabili o promettenti le cui azioni godono di una maggiore domanda. Pertanto, le informazioni su un'imminente scissione ci dicono che la società è promettente o finanziariamente stabile o entrambe le cose, e dovremmo dare un'occhiata ed effettuare la nostra analisi.

Frazionamento azionario alfabetico

La società è uno dei primi 3 leader mondiali in termini di capitalizzazione tra le società pubbliche. Possiede Google.com e YouTube.com, che sono i più grandi siti web del mondo. Aiutano l'attività pubblicitaria dell'azienda a generare guadagni sostanziali che Alphabet può utilizzare per lo sviluppo di altre filiali. La redditività dell'azienda è del 27.6%. Il flusso di cassa libero è di 133 miliardi di dollari, ovvero 30 miliardi di dollari in più rispetto a tutti i debiti dell'azienda. Alphabet non paga dividendi ma effettua Buyback. Ad aprile 2022 abbiamo saputo che ci avrebbe speso 70 miliardi di dollari.

Dall'inizio del 2022, le azioni della società hanno perso il 26%. Il calo si è fermato a 2,100 USD e ha iniziato a crescere gradualmente. Attualmente costano 2,230 USD. Il più vicino livello di resistenza è di 2,400 USD.

Grafico dei prezzi delle azioni Alphabet
Grafico dei prezzi delle azioni Alphabet

Riflessioni conclusive

Un frazionamento azionario non è un segnale di acquisto e non garantisce che il prezzo delle azioni crescerà in futuro. In pratica, questo è solo un aumento del numero di azioni scambiate sul mercato, in modo che il loro prezzo si corregga. Tuttavia, dare voce a questi piani aiuta a trovare opzioni di investimento a lungo termine. A giudicare dalla storia, Alphabet ha scelto saggiamente il momento della prima divisione. Il tempo mostrerà se la sua seconda divisione sarà un successo.

Investire in azioni americane con RoboForex a condizioni vantaggiose! Le azioni reali possono essere negoziate sulla piattaforma R StocksTrader a partire da $ 0.0045 per azione, con una commissione minima di negoziazione di $ 0.5. Puoi anche provare le tue abilità di trading nel Piattaforma R StocksTrader su un conto demo, registrati su RoboForex e aprire un conto di trading.


Il materiale è preparato da

È nel mercato finanziario dal 2004. Dal 2012 negozia azioni in una borsa americana e pubblica articoli analitici sul mercato azionario. Partecipa attivamente alla preparazione e alla consegna di webinar educativi RoboForex.